Nuova sensazione questo giovedì durante il WPT Madrid Master. Dopo ieri l'eliminazione di Tapia e Gutierrez nel tabellone maschile, tocca alla testa di serie 1 nel tabellone femminile a prendere la porta prematuramente.

Niente sta andando bene per le n°1 del mondo Alejandra Salazar e Triay! Dopo il loro pesantissima sconfitta nella finale del WPT di Stoccolma (battuta 6/1 6/1 da Sanchez / Josemaria), hanno lasciato il WPT Madrid Master negli 1/8 di finale.

Sofia Araujo (19°) e Marta Talavan Ruiz (22°).
Sofia Araujo (19°) e Marta Talavan Ruiz (22a).

Il braccio tremante?

Il loro carnefice di giornata è la sorprendente coppia ispano-portoghese formata da Marta Talavan Ruiz (22°) e Sofia Araujo (19°). Questi ultimi erano in vantaggio 7/6 5/2 dopo 1h45 di partita, quando potrebbero aver avuto il braccio tremante. Talavan Ruiz ha servito per la partita sul 5/4, con due punti di vantaggio. Ma il numero 1 del mondo ha poi avuto uno scatto d'orgoglio, tornando al 5/5.

Pensavamo che Talavan e Araujo avrebbero ceduto, ma hanno tenuto il servizio in extremis per portare 6/5 poi hanno fatto un altro break inaspettato e hanno vinto il secondo set e il match, dopo 2:11 di suspense.

Un risultato che mette in dubbio Salazar e Triay e apre un viale ad Ariana Sanchez e Paula Josemaria (TdS 2), attualmente piene di fiducia.

Sei punto de oro contro uno

Le statistiche della partita sono eloquenti: mentre hanno segnato 8 punti in meno di Salazar e Triay, Araujo e Talavan hanno vinto in due set. Molto più realistici ed efficaci nei momenti chiave, convertono 5 break point su 9, contro solo 4 su 12 degli avversari. E i risultati del “punto de oro” parlano chiaro: 6 a 1 a favore dei vincitori di giornata!

Segui le altre partite usando il marcatore e il nostro programma dettagliato della giornata

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.