Presente al corso di selezione per la squadra francese al Mas, a Perpignan, Rémy Gourre non ha non incluso nella lista degli 8 che stanno andando a Marbella. Ci dà le sue impressioni.

Solo due anni di padel !

Padel Magazine : Rémy, torniamo prima alle tue origini, puoi dirci come hai iniziato? padel ?

Remy Gourre: Ho iniziato al Country Club con un amico circa due anni fa, mi è piaciuto subito. Io vengo dal tennis, mi sono classificato -15, ho fatto il Pôle France, quindi inevitabilmente sono partito con un piccolo vantaggio. Ho iniziato a fare alcuni tornei con Anthony Jeannot (34esimo giocatore francese oggi), abbiamo giocato insieme per un anno. Ed è passato un anno da quando suono con Jérôme Ferrandez. Siamo molto amici fuori e le cose stanno andando molto bene in campo!

Rémy Gourre Adidas battuta d'arresto in attesa
Credito fotografico: Stéphane Costes

Padel Magazine : Dopo solo due anni di padel, hai già raggiunto un ottimo livello, quali sono i tuoi punti di forza/debolezza?

Remy Gourre: Il mio punto di forza è l'aggressività, il gioco in avanti. Vengo dal tennis, blocco, salgo velocemente a rete, tiro al volo molto forte, questa è la mia qualità. Dopo devo migliorare in difesa. Nel tennis non siamo abituati ad essere circondati da finestre o cancelli! Ho un gioco offensivo quindi ho bisogno di avere un compagno di squadra che giochi un po' allo stesso modo. Jérôme si è adattato, suona molto bene anche così. Ho trovato un peccato arrivare in Francia senza aver mai colpito un pallone con i giocatori presenti...

“Dispiaciuto di non essere stato chiamato con il mio compagno”

Padel Magazine : Ti riferisci al fatto che Jérôme Ferrandez, nonostante i tuoi buoni risultati, non è stato convocato per il campo di selezione per la squadra francese. Qual è la tua opinione su questo?

Remy Gourre: Quando sono stato chiamato, ho chiesto ad Alexis Salles se Jerome era sulla lista. Mi ha detto di no. Ho trovato un peccato per il mio primo incontro non essere con il mio partner. Ci siamo allenati insieme, abbiamo fatto una preparazione fisica, abbiamo avuto dei buoni risultati: abbiamo vinto 1000 punti, fatto un quarto di finale ai 2000 delle Piramidi. Ma non era nei piani di Alexis perché Jérôme aveva rifiutato una selezione un anno e mezzo fa, quando sua moglie era incinta… È la scelta dell'allenatore, c'è un numero limitato di posti, c è così.

Padel Magazine : Puoi dirci un po' come funziona lo stage e come ti sei sentito personalmente?

Remy Gourre: Eravamo 6 giocatori di destra e 6 giocatori di sinistra. Sono stato convocato come giocatore di destra. Abbiamo dovuto giocare 5 partite in due giorni e mezzo, con partner diversi. La mia prima partita l'ho giocata con Yann Auradou, contro Johan Bergeron e Benjamin Tison, che per me formano senza dubbio la migliore squadra francese. Dato che Yann ora è un giocatore di destra, abbiamo dovuto adattarci, giocare un colpo a sinistra e uno a destra, e di fronte a questi giocatori è stata molto dura.
Poi ho avuto la possibilità di giocare una bella partita con Jérémy Scatena contro Inzerillo/Maigret. Abbiamo vinto in due set giocando molto bene. Dopo la terza partita, ho giocato con Bastien Blanqué contro Scatena/Leygue. Una bella partita che perdiamo 7/6 7/5. Per la mia quarta partita, che è stata l'ultima (sono dovuto tornare per un problema familiare), ho condiviso nuovamente la pista con un giocatore di destra, Jérôme Inzerillo. Abbiamo affrontato Leygue/Auradou e abbiamo perso in due set. Trovo un peccato non aver potuto evolvere con Bergeron e Maigret e aver giocato due partite su 4 con giocatori di destra...

Rémy Gourre fine gesto adidas dritto volley
Credito fotografico: Stéphane Costes

 

Padel Magazine : Cosa poteva essere migliorato durante questo tirocinio?

Remy Gourre: Penso che quello che manca è avere una formazione. Alcuni giocatori sono più allenati di altri. Non ho un allenatore, non ho mai preso un padel. Quello che per me è mancato è un giorno di allenamento, avrei seguito un consiglio. E ovviamente è difficile arrivare senza il proprio compagno e dover giocare subito partite con giocatori con cui non si ha automatismi.

Oltre a ciò, ciò che manca in Francia sono gli allenatori. Ci alleniamo come possiamo, cerchiamo di auto-correggerci. Ma mancano allenatori, magari provenienti dall'estero, che ci aiutino a crescere in Francia.

Sempre così motivato

Padel Magazine : Alla fine, sei deluso di non far parte della lista degli 8 che andranno a Marbella?

Remy Gourre: No, non sono deluso. Abbiamo già capito che il 7° e l'8° sono tra virgolette da “piloti di panchina” e che giocheranno i sei che sono davanti. Il che è normale: abbiamo sei giocatori che giocano in tornei internazionali, che sono allenati, è logico. Da parte mia, non ero particolarmente interessato al ruolo di sostituto.

Sono molto contento di aver fatto questa esperienza, ho potuto rendermi conto che il livello era molto buono. Non mi considero migliore o peggiore degli altri. Ognuno ha le sue possibilità e l'allenatore sceglie i giocatori di cui ha bisogno per costruire la sua squadra. Auguro qualunque cosa accada alla squadra francese e spero che vadano il più lontano possibile!

Padel Magazine : Quali sono le tue prossime scadenze padel ? Hai in mente i Mondiali?

Remy Gourre: Abbiamo il campionato provenzale con Jérôme Ferrandez a fine mese. Saremo testa di serie numero 2 e ci stiamo preparando a fondo con l'obiettivo di vincere il titolo. Avremo poi il P2000 a Perpignan a luglio, e sicuramente il torneo internazionale di Canet-en-Roussillon ad agosto. 

Cercheremo di ottenere i migliori risultati possibili in tutte le competizioni a cui parteciperemo e, se l'allenatore avrà bisogno di noi, saremo felici di venire a dare una mano alla squadra francese. E se ciò non fosse possibile, non ci impedirà di continuare a giocare!

Crediti fotografici: Stephane Costes

Xan è un fan di padel. Ma anche il rugby! E i suoi post sono altrettanto incisivi. Preparatore fisico di diversi padel, scopre post atipici o tratta argomenti di attualità. Ti dà anche alcuni suggerimenti per sviluppare il tuo fisico per il padel. Chiaramente, impone il suo stile offensivo come sul campo di padel !