Jérôme Inzerillo, attuale 7° giocatore francese, era presente durante la Maestri finali di Cupra Padel-Point Tour. Partecipando alla P500 della tappa, ha accettato di tornare con noi sulle sue novità del momento.

"I giocatori francesi sono migliorati molto"

Padel Magazine : Il P2000 di Piramidi appena conclusa, quali conclusioni puoi trarre dalla concorrenza in generale?

Jerome Inzerillo : “Il livello generale è stato piuttosto interessante. Mi è piaciuto molto condividere la pista con Johan (Bergeron), è vero che è stato il primo torneo che abbiamo giocato insieme. Successivamente, a livello generale, trovo che i giocatori francesi siano progrediti molto: penso sia dovuto al numero di tornei che ci sono in Francia… anche se non ci sono molti P2000.

Non ci siamo trovati tutti quest'anno altrove sul P2000, tranne forse durante quello di Padel Orizzonte. È un po' un peccato, ma è anche dovuto al fitto programma di FIP, WPT, APT.

È un buon segno se abbiamo comunque l'opportunità di giocare ogni settimana."

adatto padel Girolamo Inzerillo torre

Padel Magazine : Abbiamo potuto vedere che i punti controversi facevano parte della “drammaturgia” di questo decisivo 3° round nella finale del P2000 des Pyramides. Guardando indietro, come analizzi questa situazione?

Jerome : “Fa parte del gioco, ed è qualcosa che accade nel momento. Non c'è risentimento da parte mia, dopo possiamo avere dispute tutto questo... ma non c'è mai niente di male. Abbiamo rimesso il punto, dopo che c'erano altri due punti controversi. Per me non c'è problema, bisogna distinguere tra quello che sta succedendo in campo e quello che sta succedendo fuori.

“Il mio comp è Jesús Ruiz”

Padel Magazine : Hai giocato al fianco di Jo Bergeron la scorsa settimana (per la prima volta). Ma in questa stagione hai giocato anche con Jesús Ruiz, Max Moreau, Exequiel Mourino solo per citarne alcuni. Jérôme Inzerillo ha attualmente un compi “registrato”?

Jerome : “Sarà sorprendente, ma sì, ho un comp titolare (ride)! Abbiamo iniziato la seconda parte della stagione con Jesús Ruiz. Ma il problema è che ci sono molti vincoli: devi avere gli stessi orari, gli stessi desideri allo stesso tempo, quindi è abbastanza complicato. Il mio comp è Jesús, ma appena non può devo trovare comunque un altro partner”.

Il suo record per la stagione in corso

Padel Magazine : Stiamo superando la fase di metà stagione, ma dal tuo punto di vista, come giudichi la tua stagione finora?

Jerome : “Quindi sì, certo, ho aree di miglioramento in tutte le aree. In termini di gioco, ho molte cose su cui lavorare. Comunque, abbiamo sempre qualcosa su cui lavorare. In termini di progressione, l'idea è di concentrarsi su tutto ciò che è tiro al volo, difesa, ecc.

La mia stagione la considero piuttosto buona, dopo aver saltato molti tornei: compagni che si sono infortunati o per esempio Jesús che mi ha piantato in 2-3 tornei super importanti.

Penso che avrei potuto fare un'altra stagione se avessi fatto tutti questi tornei, soprattutto in termini di classifica: perché mi fa perdere molti punti... Ma ehi, considero ancora la mia stagione abbastanza buona, ho fatto comunque le semifinali , finali, ecc. Tanti buoni risultati, anche se ho saltato 2-3 vittorie importanti per superare un traguardo.

Spero che alla fine della stagione si calmi, e perché non puntare al titolo?

Jesus Ruiz Jerome Inzerillo Semifinale Utrecht 2022
Jérôme Inzerillo (a destra) con il suo partner spagnolo Jesús Ruiz.

Con Maxime Forcin durante i campionati francesi per “ottenere un buon risultato”

Padel Magazine : Hai delle grandi scadenze in arrivo, ma volevo tornare con te ai campionati di Francia che si avvicinano a una velocità vertiginosa, con chi li giocherai? Ti sei prefissato degli obiettivi?

Jerome : “Giocherò con Maxime Forcin, ci siamo qualificati per il campionato di Normandia. Abbiamo iniziato insieme l'anno scorso, quando mi ha offerto il progetto. Ho pensato che stesse giocando molto bene, poi non abbiamo avuto la possibilità di giocare molti tornei. Ma abbiamo già vinto un torneo, abbiamo giocato bene e fatto delle belle partite... Ora, per dire che vinceremo i campionati francesi non ne sono sicuro, ma comunque andiamo per ottenere un buon risultato, dai il massimo e poi vedremo come va".

La squadra francese: "Penso di aver avuto una buona stagione per esserci"

Padel Magazine : La squadra francese, con i mondiali a fine anno, ci pensi?

Jerome : "Mi piacerebbe ! Nella continuità dello scorso anno e nella buona stagione che abbiamo avuto in Francia. È già passato un anno, è il secondo anno… Penso di aver avuto una buona stagione per essere lì, dopo non si sa mai. C'è uno stage tra 15 giorni, dovrai essere bravo durante questo stage, dare il massimo e le scelte, starà all'allenatore farle. Ma in ogni caso, se mi sceglie, sarò al 200% con la squadra e dietro la squadra se non gioco. “

Padel Magazine : Sappiamo che sei molto investito fuori dalle piste di padel, puoi parlarci delle tue novità?

Jerome : “Faccio molte cose fuori dal campo: ho un'accademia di tennis dove alleno tre ragazzi, potrei averne altri due, quindi questo significa molte ore in campo. Do lezioni private padel anche, pure ; Ho iniziato un nuovo lavoro come agente in un'agenzia chiamata K2M: aiuto i giocatori da padel trovare partner sponsor in modo che anche loro possano partire con qualcosa da fare in termini di denaro.

E poi abbiamo appena aperto un sito web, specializzato nell'organizzazione di padel all'estero con un primo stage a dicembre a Marbella. Saranno 5 o 6 il prossimo anno, in luoghi che cambieranno dalla Spagna: forse Ungheria, Croazia... a sviluppare il padel ma anche scoprire nuove destinazioni. Non ci limitiamo a farlo padel durante questi corsi scopriamo città, nuove culture, ecc.”

La Cupra Padel-Point Tour : “Per me il padel, è questo tipo di evento”

Padel Magazine : Hai preso parte alla P500 della finale master di questa Cupra Padel-Point Tour. Certo, oggi ci troviamo in una cornice ancora più bella del solito, ma cosa ti ispira questo circuito?

Jerome : “Penso che sia una buona cosa per lo sport e lo sviluppo di questo sport. Per i giocatori dilettanti scoprire un ambiente professionale, è davvero fantastico. Seguo il Tour dall'inizio e trovo che venendo qui c'è una buona atmosfera, che è un modo meraviglioso per le persone di poter interagire con i giocatori professionisti.

Per me il padel, è esattamente questo tipo di evento. Buon umore, cordialità, partite e feste, trovo che questo aspetto sociale giovi al padel. "

Nasser Hoverini

Appassionato di calcio, ho scoperto il padel nel 2019. Da allora, è stato un amore folle con questo sport al punto da abbandonare il mio sport preferito.