Il pubblico ha fatto il viaggio per sostenere i francesi questa domenica alle 4Padel de Colomiers, in un'atmosfera surriscaldata. Poco sonoro al termine del match più atteso della giornata, Blanqué/Jurado contro García/Bautista.

Laurette, 22 anni, di Tolosa, è venuto a sostenere Bastien Blanqué al WPT Human Padel Apri, accompagnata da tre amici con i quali ha partecipato a un evento di corsa questa domenica mattina.

“Sono venuto con i miei amici. Io gioco a tennis quindi il padel interessa anche a me. Non conosco tutti i giocatori, ma amo lo sport, quindi sono qui. E poi abbiamo saputo che c'era un Tolosain, quindi lo abbiamo sostenuto. Gioco di tanto in tanto padel, ma meno spesso che nel tennis. Da settembre lo farò più spesso, ma manterrò il tennis. »

Laurette (2a da sinistra) e le sue amiche sono sia fan dello sport che atleti stesse.

Jérôme, 46 anni, giocatore di Paddle Plus Blagnac da più di 15 anni. “Sono venuto a vedere giocare Bastien, perché ho assistito ai suoi primi colpi di racchetta, da quando ho giocato contro lui e suo padre durante il suo primo torneo. Sono molto felice di essere qui, di vedere questo spettacolo, ma sono molto deluso per Bastien. Era complicato, già all'inizio, ma non riuscire a tirare un pallonetto per mancanza di altezza del soffitto, non riuscire a recuperare i palloni all'esterno… Queste condizioni di gioco erano davvero frustranti. Ci piace molto il 4Padel, è molto buono per noi, ma per questo livello è un peccato. Mi sarebbe piaciuto vedere questa partita a Carcassonne, dove ci sono 11 metri sotto il soffitto.

Jérôme, di Blagnac, con i figli Lino e Zoé
Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.