Philippe Belou, Presidente del campionato di tennis e padel dall'Occitania – Pirenei – Mediterraneo, fa il punto con noi sullo sviluppo del padel nel suo campionato, in termini di infrastrutture, competizione e formazione.

 ■ Lo sviluppo di padel in Occitania.-  “Lo sviluppo è molto diverso a seconda del dipartimento, ma è esponenziale in Haute-Garonne, Hérault e Pyrénées-Orientales. 86 club hanno tracce e 27 di loro sono club esclusivamente per padel. Ci sono anche due strutture federali: il centro della lega Balma e il comitato dipartimentale degli Alti Pirenei a Horgues. In questi luoghi andava molto più veloce che nelle zone rurali e montuose, sia per il clima favorevole che per la vicinanza alla Spagna. Non mi aspettavo di vedere questo sport assumere una tale importanza nel nostro campionato. L'effetto Covid è stato benefico, soprattutto per le regioni in cui potresti esercitarti padel all'aperto. »

“Sviluppo padroneggiato”

Le azioni di sviluppo.-  “L'aspetto sportivo è gestito dalla Commissione padel presieduto da Eric Largeron, in particolare attraverso iniziative dipartimentali come l'organizzazione di circuiti giovanili, campionati a squadre nonché padel-azienda per la stagione 2022/23. Vogliamo sostenere lo sviluppo di padel cercando di controllarlo. Non vogliamo mettere padel da indossare padel. C'è una logica per lo sviluppo di centri reali di padel e non una pista isolata qua o là. Vogliamo che ci sia un progetto in giro con iniziazioni padel, una vita semplicemente intorno a questi tribunali. E soprattutto per non ricadere nella trappola del tennis degli anni '80.

Futuri grandi tornei.-  L'Occitania dovrebbe ospitare tutta una serie di tornei di alto livello in questa stagione, tra cui il World Padel Tour, le FIP di Canet e Perpignan, due tornei P2000 a Mas e 4Padel de Colomiers, ma anche i campionati francesi di interleague giovanile, il campionato francese a coppie, il campionato nazionale 1...

“Oggi mancano gli insegnanti”

“Il WPT a priori, è stato registrato, crede Philippe Belou. Lo stesso vale per la FIP Rise di Canet e la FIP Gold di Perpignan. Quindi siamo molto orgogliosi di ospitare i più grandi eventi internazionali di padel in Francia. Sulla parte nazionale, abbiamo avuto molte competizioni francesi. Ma questo si spiega con le infrastrutture esistenti molto qualitative. Penso che in futuro altri campionati avranno club in grado di ospitare questo tipo di eventi. »

Philippe Belou (giacca blu) durante la cerimonia di premiazione degli ultimi campionati francesi, circondato da Eric Largeron, Benjamin Tison, Johan Bergeron e Arnaud Di Pasquale.

L'élite regionale.-  I migliori giocatori dell'Occitania sono i campioni di Francia Bastien Blanqué e Thomas Leygue, oltre a Léa Godallier, Élodie Invernon, Charlotte Soubrié...

Addestramento.- “In termini di formazione degli insegnanti, siamo la prima lega in Francia ad aver istituito il Titolo a fini professionali (TFP) e Diploma federale di istruttori di padel (DFMP). Ciò consentirà di offrire più insegnanti di padel ai club e una struttura educativa e di supporto per lo sviluppo dei club. Perché, oggi, mancano gli insegnanti. »

Progetti futuri padel.- In Fede, la realizzazione di un progetto per un centro dipartimentale di padel con due piazzole semicoperte è già iniziata. A Nîmes, un progetto centrale da tre a cinque binari padel outdoor è in fase di finalizzazione tecnica.

I ausili per attrezzature.- L'aiuto federale ADCP (Aiuto per lo sviluppo dei club e della pratica) consente di cofinanziare la realizzazione di piste. Solo i club affiliati sono aiutati finanziariamente da questo aiuto.

Punti di forza e di debolezza.- “I punti di forza di questo sport sono la sua attrattività, il fatto che può essere praticato da tutti e la convivialità che offre. La principale debolezza che dovremo affrontare è l'invecchiamento delle nostre strutture di campionato in pochi anni. »

Leggi QUI i nostri altri articoli sui campionati francesi

Squadra Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.