Al via la FIP RISE Canet-en-Roussillon 2022 con il tabellone principale che inizierà domani mattina! L'élite di padel I francesi si sono incontrati lì.

A margine dell'evento, Alain Henry e David Matéo hanno passato in rassegna i due eventi internazionali realizzati, gli obiettivi, le delusioni ei possibili sviluppi per gli anni futuri.

Testimonianze.

Un FIP RISE atteso dai giocatori e dalla città

Alain Henry (AH): “La seconda edizione di FIP RISE Canet-en-Roussillon era atteso dai giocatori, ma anche dalla città e dagli organizzatori che siamo. L'anno scorso si è svolto a Canet-en-Roussillon il primo torneo del FIP Tour in un luogo pubblico in Francia. Ricordiamo sempre i nostri primi.

David Mateo (DM) "Siamo un quartetto. Christelle, Franck, Alain ed io ovviamente ci conosciamo molto bene. E siamo abituati ad evolverci in questo settore. Quindi le basi sono solide, ma è ovvio che non potremmo fare molto senza il team di shock che ci circonda. Un team di volontari senza i quali non si potrebbe fare nulla. Non dobbiamo mai dimenticarlo, grazie ancora a loro. “

“L'anno scorso abbiamo fissato un livello molto alto. Allo stesso tempo c'era sicuramente più pressione l'anno scorso perché eravamo un po' nell'ignoto, e allo stesso tempo, quest'anno, ovviamente, vogliamo fare meglio, quindi stiamo cercando di imparare e offrire di più e meglio".

christelle matéo baci fanfan

Una pietra miliare è stata superata

AH: "Quest'anno stiamo facendo un altro passo, è innegabile. "

DM: "A Perpignan abbiamo iniziato a lavorare lo scorso dicembre. È molto più difficile perché il livello è più alto. Ci sono dei requisiti in relazione all'hotel per esempio... Per quanto riguarda Canet, è diverso, conosciamo bene il posto, lavoriamo con fiducia, i partner sono leali".

AH: “Il prossimo anno le cose possono cambiare. Dovremo analizzare i due eventi tenuti quest'anno (FIP GOLD PERPIGNAN / FIP RISE CANET-EN-ROUSSILLON). Non chiudiamo nessuna porta. Potremmo lavorare in modo diverso".

I conflitti deludono e stancano giocatori e organizzatori

DM: “Oggi esistono diversi circuiti professionali. Siamo un po' presi in ostaggio dai vari conflitti che possono nascere in questo sport, che mette gli organizzatori ei giocatori in situazioni non sempre scontate. E questo è il caso ora. Quindi ci stiamo interrogando su un altro modo di fare le cose il prossimo anno".

AH: “Ciò che ci delude è questa realtà, e le tensioni dietro le quinte... Anche la moltitudine di eventi. Si spera che l'ambiente internazionale si normalizzi presto".

"Ci sarebbero stati 8 tornei FIP quest'anno in Francia, se non sbaglio, e alla fine, abbiamo finito con 2 tornei FIP (RISE Canet e GOLD Perpignan). Penso che questo dica tutto. "

vittoria fip aumento canet

Il bambino di 8 anni...

AH: “Siamo in luoghi eccezionali, le piazze pubbliche attirano molte persone. Il senso di farlo in un club è meno".

“Ricordo un bambino di 8 anni che stava scoprendo il padel per la prima volta l'anno scorso. E poco dopo, l'abbiamo incontrato di nuovo in un club della regione. E ci ha spiegato che voleva giocare padel molto presto dopo l'evento. È una piccola vittoria, è soprattutto ciò che ci motiva: promuovere questo sport attraverso grandi competizioni, ma anche scoperte, esibizioni...”

Le padel sedia sotto i riflettori

DM: “Questa domenica offriremo una partita un po' speciale. Questa è una mostra in padel poltrona. E allo stesso tempo, c'è un bellissimo evento internazionale a Le Mans padel presidenza in corso, quindi possiamo vedere chiaramente che le iniziative ci sono. La Federazione francese di tennis è dietro di noi. E questa è un'ottima notizia".

“Si vede chiaramente che è molto difficile organizzare un evento internazionale e ancor di più sui siti pubblici. Il lavoro è colossale e lo si può fare solo per passione, altrimenti è meglio smettere”.

AH: “Siamo fortunati ad avere la città di Canet-en-Roussillon molto motivata, come Perpignan del resto. E l'abbiamo visto di nuovo di recente, il padel è in piena espansione. È uno spettacolo che sta davvero iniziando ad attrarre. Incontriamo persone che a volte ne hanno sentito parlare e che finalmente vedono questo sport con i migliori giocatori.

Alain Henry

Ingresso gratuito alla FIP RISE

DM: “L'ingresso è gratuito per tutto il torneo come l'anno scorso, è la piccola differenza con la FIP di Perpignan. Ma il formato non è lo stesso".

Il milione sarà superato

AH: "Penso che siamo solo all'inizio. Sui 7-8 anni che arrivano, c'è tutto da fare. Vivremo un enorme boom. Si parla già di boom, mentre il boom è domani. I locali sono pieni la sera. Funziona sempre meglio. Oggi siamo certamente 300.000 praticanti, ma nei prossimi anni in Francia si supererà il milione. Questo è un fatto. Ora come si evolveranno le cose? Il futuro lo dirà..."

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.