Mentre l'ultima partita della mattinata era in pieno svolgimento Javier Leal – Uri Botello et Miguel Benitez-Pablo Cardona, la talentuosa belga Helena Wyckaert ci ha onorato della sua presenza per un momento per commentare e rispondere alle domande di Mario Cordero in esclusiva per Padel Magazine

L'attuale 79° al mondo ha parlato del suo torneo, delle sue ambizioni sportive e della sua nuova vita in Belgio.

“È stato difficile tenere il passo”

"Ciao a tutti. Diremo che potrebbe essere migliore (ride). Abbiamo perso ma abbiamo comunque combattuto bene. A volte si vince ea volte no, è così.
Ci siamo inchinati a una nuova coppia composta daAraceli Martinez e Arantxa Soriano con un punteggio di 6/2 – 2/6 – 6/3. Li conosciamo e giocano davvero bene. Hanno molta esperienza. Specialmente da quandoArantxa è mancino quindi per me è vero che è molto più complicato. Nel secondo set abbiamo giocato bene ma è stato difficile per noi continuare a questo ritmo nel terzo set.
.

“Pablo Cardona suona molto bene”

Il belga commenta anche il performance di Pablo Cardona, che ha creato scalpore con Miguel Benitez.

“Sì, conosco Pablo Cardona, è giovane, ha molto talento e gioca davvero bene. Conosco molto bene anche il suo compagno perché si allenava nel mio stesso club prima a Madrid. Ha più esperienza del suo compagno di squadra, e se non sbaglio questo è il loro primo torneo insieme. Arrivare a questa fase del concorso per una prima associazione è davvero bello."

“Una scuola di padel ad Anversa”

"Non mi alleno in Spagna da poco più di un anno. Ho deciso di tornare a casa in Belgio ma prima è vero che vivevo a Madrid. Ci sono rimasta per due anni e posso dire che lì ho imparato quasi tutto.

Oggi vivo ad Anversa e cerco di allenarmi il più possibile in Belgio, ma è qualcosa di completamente diverso. Appena ho tempo prendo un aereo e volo a Madrid per allenarmi in Spagna. Possiedo una scuola padel ad Anversa funziona bene e mi diverto molto. È tutta un'altra vita ma sono felice. Siamo su tre siti e la mia scuola si chiama Ter Eiken "

Club di padel Ter Eiken

“Nei nostri centri non abbiamo un allenatore spagnolo, solo belgi, alcuni dei quali lavorano a tempo pieno. Tuttavia, a volte il mio allenatore del Madrid si unisce a noi per svolgere clinic e formazione per allenatori. Questo ci permette di continuare a imparare sempre di più.

“L'unico belga sul circuito”

“Sono l'unico giocatore belga che gioca nel circuito WPT. Troviamo poi alcuni giocatori di buon livello che partecipano alla FIP. Ma spero che nel prossimo futuro avremo più belgi che giocheranno in competizioni internazionali perché alcuni hanno il livello per giocare i pre-previa.
Dopo resta complicato per loro perché devono riuscire a liberare tempo per poter realizzare questo bel progetto. La stragrande maggioranza dei giocatori belgi ha un lavoro, obblighi personali e viaggiare è costoso, non è facile.

Ho avuto la fortuna di qualificarmi per un pareggio a Maiorca. A Marbella abbiamo giocato l'ultimo round dei previas è stato un bel torneo."

"Il livello sta diventando sempre più forte"

Ho iniziato il WPT 3 anni fa e il livello non era lo stesso di adesso. La mia miglior classifica era 54 credo, e ora sono scesa al 79°. Quando ero al 54° posto avevo circa 500 punti e ora ne ho 480 e sono 79°. Il circuito si sta evolvendo sempre di più ed è più complicato per un giocatore prendere parte oggi a una competizione internazionale per via dei punti. Con questo intendo dire che ora una coppia titolare ha bisogno di un buon numero di punti per entrare nel torneo.

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.