Se il WPT Buenos Aires Master delizia gli spettatori e i telespettatori grandi partite e punti che propone, la sua organizzazione è comunque criticata.

Lisandro Borges, un personaggio divisivo

Come negli anni precedenti, questo WPT Buenos Aires Master, che dovrebbe essere una vera festa per il pubblico che vede i propri favoriti evolversi in Europa per la maggior parte dell'anno, è organizzato da Lisandro Borges. L'imprenditore argentino, che ha acquistato anche gli eventi che si svolgeranno l'anno prossimo in Paraguay e Cile, tra gli altri, non è chiaramente unanime.

Dopo aver provato a creare il proprio circuito, il Giocatori Padel Tour, questo ex amico di Bela ha messo su alcuni degli attori del padel indietro, compreso il giocatore che ha dominato il padel in tutto il mondo da 16 anni. Ora nascosto dietro il WPT, è accusato in particolare di aver voltato le spalle.

Tre racchette ufficiali per un solo torneo!

Questo è il primo errore commesso durante questo torneo: tre marchi hanno acquistato il fatto di essere la racchetta ufficiale di questo Master di Buenos Aires. Questi sono Nox, Varlion e Royal Padel.

Comme spiega Varlion in un comunicato stampa, solo un segno avrebbe dovuto essere il pala ufficiale del torneo (come sempre accade negli eventi WPT), e rimane confusione su questa situazione.

In questo stesso documento apprendiamo anche che l'incertezza risiede nella firma del prodigio Leo Augsburger con Nox mentre il suo contratto con Varlion non era scaduto... Anche in questo caso, Lisandro Borges sarebbe al centro dell'imbroglio come stipulato nella stampa del marchio pubblicazione.

Alcuni media si sono allontanati all'ingresso

Infine, alcuni media, a causa dei loro trascorsi con gli organizzatori, sono stati respinti all'ingresso. Si vocifera addirittura che i posti che dovevano essere assegnati ai giornalisti siano stati venduti al pubblico... Una situazione che li ha costretti a pubblicare un comunicato stampa che trovate poco sotto (tradotto):

Giornalisti e media sconfessano le azioni degli organizzatori di Buenos Aires Padel Maestri di World Padel Tour per quanto riguarda il normale svolgimento del proprio lavoro.

In primo luogo, hanno punito coloro che non si allineano con gli interessi del proponente negandogli l'accreditamento.

In secondo luogo, chi è vicino al promotore ha avvertito che i media che decidono di partecipare al torneo con i biglietti potrebbero subire rappresaglie...

Questa situazione è pericolosa e rende impossibile svolgere il nostro lavoro senza coercizione. Il nostro sport richiede il coinvolgimento di tutte le parti interessate.

comunicato stampa world padel tour
Squadra Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.