Categorie: NOTIZIE

Gear - L'uomo che valeva € 3000 contro La donna che valeva € 1500

Nello sport professionistico, la tendenza è quella di armonizzare l'importo del montepremi. il padel non sfuggirgli ed è felice. Tuttavia, c'è un'area in cui i giocatori possono padel non sono uguali. Un'area in cui gli uomini costano più delle donne, anche se ci sono alcune eccezioni.

Per essere più precisi, abbiamo stimato che un giocatore tra i primi 100 generi in media una spesa per l'equipaggiamento di poco superiore ai 3000 euro, mentre un giocatore può accontentarsi di 1500 euro, ea volte anche molto meno. Chi ha detto che le donne sono più spendaccione?

Ma di quale hardware stiamo parlando? Quello che condiziona largamente il gioco dei professionisti, parte della fiducia che hanno in loro. Tregua di suspense, è il racket che è in questione – “pala” per chi è vicino al padel in spagnolo.

Per il giocatore medio, un pala a volte dura diversi anni.

Grandi successi, piccoli successi, stessa battaglia

A forza di sentire, da quando domenica a Tolosa, il fragore a volte fragoroso di certi grandi scioperi, ci siamo chiesti per quanto tempo un frastuono di padel prima di esplodere sotto la forza dei colpi.

Per scoprirlo con certezza, abbiamo chiesto ad alcuni dei giocatori presenti durante i previas. E a dire il vero, il consenso regna tra i signori mentre le signore divergono – senza però rompere il panino.

Dal lato maschile, una racchetta dura generalmente poco meno di un mese. Questo è ciò che ci ha detto uno dei migliori giocatori francesi della fascia sinistra, Bastien Blanqué (n. 171 del mondo): “Cambio ogni tre settimane circa. In un anno si ottengono una quindicina di racchette da neve”.

Stessa risposta con Mario Del Castillo (56e world), un giocatore di destra sotto contratto con il Varlion: "Uso dalle 12 alle 15 racchette all'anno. Cambio o perché si rompono, o perché diventano più morbide d'estate, quando fa molto caldo”.

Dall'alto del suo metro 90, Miguel Benitez potrebbe colpire duro, non rompe le racchette più degli altri: l'85e della classifica ne consuma una quindicina all'anno, del marchio Joma.

Da 3 a 15 racchette all'anno per queste signore

Tra le donne, l'italo-spagnola Lorena Vano (n°95), che misura 1,67 m e gioca sulla destra, ci ha detto che le servivano solo da 3 a 4 racchette all'anno. La sua compagna Lucia Perez Parra (n°91) gioca sulla sinistra ma è alta solo 1,60 m e colpisce poco: si accontenta di 5-6 racchette all'anno.

Stessa “tariffa” per Araceli Martínez, (63e) un altro piccolo rovescio: 1,62 m, che punta più sulla pazienza che sulla potenza. Ma alla sua destra, Arantxa Soriano Perez (48e) è un mangiatore di racchette da neve, con 15 Head demolito ogni anno. “Tocca il mio palato e guarda quanto diventa morbido nella zona centrale dal calore. Ecco perché cambio spesso.

Dall'altezza dei suoi 78 metri, la francese Léa Godallier (35e) non dice altro: “Anch'io uso circa 15 racchette all'anno, un modello (Nox) con gomma dura, ma che si ammorbidisce con l'uso e il calore. E poi ammetto di essere un po' goffo: sbatto spesso i finestrini e le inferriate, si rompono le racchette…”.

Ma il punteggio più alto – da battere – del nostro sondaggio (per nulla esaustivo) è di 20 racchette all'anno: è di Juan Lebron. "Ne usa uno per torneo", ci ha detto uno dei suoi parenti.

Con più di 200 euro per racchetta, il numero 1 mondiale supera i 4000 euro nelle racchette, dove la media per gli uomini è di 3000. Per le donne, il range varia tra 600 e 3000 euro, perché variano anche gli stili di gioco e le taglie.

Pubblicato da
Jerome Arnoux