La finale femminile di questo WPT Amsterdam Open è stata la rivincita di quella di Cascais, vinta da Ariana Sanchez e Paula Josemaria contro Bea Gonzalez e Marta Ortega. Questo 11 settembre, è stato un infortunio a Bea Gonzalez che aveva ha segnato il destino della partita, mentre la coppia Sanchez/Josemaria era in vantaggio 7/5 1/0.

Questa domenica, davanti ad un pubblico conquistato e al gremito salone del mercato centrale di Amsterdam, abbiamo assistito ad una resa dei conti di grande bellezza tra due coppie in gran forma.

Bea Gonzalez e Marta Ortega a sinistra, Ariana Sanchez e Paula Josemaria a destra.

Il primo break si è subito trasformato in vantaggio della coppia Ortega/Gonzalez che ha segnato la partita al punto de oro e ha condotto 2-1. Ma i favoriti reagiscono prontamente pareggiando sul 3-3 dopo aver estasiato il servizio di Marta Ortega.

Una pioggia di punti d'oro

Nella partita successiva, quando sono sotto 15/40, Ari e Paula salvano altri due break point, ma Sanchez manda un bandeja direttamente nel finestrino laterale del punto de oro. 4-3 per il più giovane dei quattro spagnoli.

Al momento di concludere questo set sul servizio Ortega e Gonzalez si distinguono per una notevole pazienza nella costruzione dei punti e per una capacità di sbagliare meno degli avversari. Ed è logico che abbiano vinto 6-4 questo primo turno, in 55 minuti.

Dall'inizio del 2° set, Ari e Paula prendono il servizio avversaria conquistando il loro primo punto de oro dei quattro già disputati in questo match. Josemaria, un po' aiutata dalla rete, sembra alzare il livello di gioco e sorprende Ortega con un colpo al corpo.

Sul 3-0 pensiamo che i n°1 del mondo si staccheranno e andranno alla facile vittoria di questo set, ma un nuovo punto decisivo permette alla coppia n°3 della classifica di salire sul 2-3, prendendo il processo Il servizio di Josemaría.

Tutto da rifare per Sanchez e Josemaría, che subito tornano in campo e si rompono ancora per portare il 4-2. Quindi segnano il loro gioco di servizio e portano a casa il punto prendendo l'impegno di Bea e concludono il secondo set 6-2.

Quali boss in campo?

Dall'inizio della fase finale, Sanchez e Josemaría intendono dimostrare di essere i padroni in campo. Ma Bea Gonzalez non la sente così e mette giù alcune banderillas, come due magnifici drop shot nella 2a partita.

Destabilizzati, i n. 1 del mondo vedono i n. 3 tornare in forze e subire il primo break di questo 3° set.

Bea Gonzalez difende poi due palle break ma è Marta Ortega che, con un superbo rovescio al volo, difende vittoriosamente un nuovo punto de oro. 3-1 per gli sfavoriti.

Fine di una serie di 19 vittorie

Sul gioco di servizio di Paula, Ortega e Gonzalez mostrano ancora il loro altruismo e riescono a incrinare gli avversari per ottenere il doppio break e portare 4-1. Ci stiamo avvicinando alla fine di una serie di 19 vittorie consecutive per Josemaria e Sanchez?

Scatenata dall'alto dei suoi 20 anni, Malaga Bea Gonzalez è assolutamente ovunque, imponendo pressioni e pericoli permanenti al numero 1 del mondo. E quest'ultimo crack, come Ari Sanchez che manda un facile smash direttamente in rete: 5-1 per Martita e Bea.

Inesorabilmente, Sanchez non può far nulla nella sua ultima partita di servizio per impedire il coronamento della coppia n°3, indispensabile 6-4, 2-2 6-1, con la maniera. Questo è il secondo titolo in un WPT Open in questa stagione per Ortega e Gonzalez, magistrali questa domenica ad Amsterdam.

Ora è il momento della finale maschile Lima/Stupaczuk vs Belasteguin/Coello, da seguire in diretta Canale + Sport 360 o sul Capocannoniere del WPT

Squadra Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.