Oggi alle Padel Magazine vogliamo mettere in luce un giovane talento spagnolo, Javier Leal, soprannominato anche “Javi Letale".

È a causa di Santi catena Youtube Desde dentro del padel TV che impariamo qualcosa in più sul nativo di Puerto de Santa Maria, nella provincia di Cadice.

Lo youtuber ha avuto la fortuna di poter trascorrere una giornata con la giovane pepita. Si inizia con una colazione in famiglia prima di partire per diverse ore di allenamento. In un'atmosfera rilassata e nel buon umore che lo caratterizza Santi va incontro a coloro che fanno della vita quotidiana javi leal.

“Il suo allenatore ha visto qualcosa in lui”

“A casa è un ragazzo molto tranquillo, gioca alla console, guarda le serie ma non è un animale da festa. Mentre da piccolo era un puro bastone di dinamite. Non si è fermato ” ci confida suo padre.

“Quando era piccolo ovviamente lo accompagnavamo, ma poco dopo quando ha iniziato ad allenarsi con lui Fran Cepero, quest'ultimo lo portò alle varie competizioni, ed è lì che divenne sempre più indipendente”

Ha iniziato a giocare con me. Mi sono allenato molto padel con i miei amici e quando ci siamo messi insieme, Javi è venuto con noi. Per tutta la partita ha continuato a darci fastidio e quando le squadre sono cambiate è venuto a trovarmi e mi ha chiesto di tirargli qualche palla. Altrimenti in casa inizierebbe a giocare contro il muro fino a quando non lo iscriviamo a un club per prendere lezioni.

Le prime lezioni durarono solo pochi mesi perché il suo allenatore di allora vide in lui qualcosa in più e ci consigliò di iscriverlo ad un'altra scuola. Ci dice che questo ragazzo sarebbe diventato campione di Spagna. Si è scoperto che aveva ragione perché nel 2013 Javier è stato campione di Spagna nella categoria Benjamins”.

La discussione prosegue intorno a un buon “prima colazione” e quale modo migliore per iniziare la giornata che gustare la tipica colazione spagnola: toast con olio d'oliva – prosciutto e caffè. Un vero emblema tra i nostri amici iberici.

Una mossa di emergenza

Come dicevamo poco prima, la famiglia Leal è di Puerto de Santa Maria nella provincia di Cadice in Andalusia. Il padre di Javi spiega come è nata l'idea di trasferirsi nella capitale e perché è successo così in fretta.

“Durante una gara World Padel Tour a Madrid a cui Javi partecipato, siamo andati il ​​giorno successivo all'accademia M3 per vedere Alejandro Galan e Juan Lebron allenarsi. Gli hanno detto di prendere un pala e di venire ad allenarsi con loro. Parlando con Jorge Martinez, mi ha detto che voleva Javi vieni a vivere a Madrid per iniziare una nuova avventura. In un mese abbiamo dovuto affittare la nostra casa al sud, trasferirci in un nuovo appartamento, negoziare con il mio datore di lavoro un trasferimento nella capitale e trova Marta una nuova scuola superiore.

La prima cosa che abbiamo fatto quando siamo arrivati ​​qui è stata prendere Javi in allenamento".

"Un cambiamento radicale"

Naturalmente, a pensarci bene, questo cambiamento di ambiente nell'arco di un mese deve essere stato molto difficile Xavier e la sua famiglia. Passare dalla dolcezza della vita andalusa alla frenesia di una grande città non è facile. È il patriarca della famiglia che ci racconta un po' di più di questo cambiamento radicale.

"A livello economico all'inizio è stato difficile perché sono un impiegato statale e lo stipendio che guadagno a Madrid lo stesso di quando ero a Cadice. Ma qui è tutto più costoso. Anche andare a bere una birra o una bibita in un bar diventa più complicato perché vivevamo solo del mio stipendio quindi ci siamo privati ​​di uscire e bere i nostri drink a casa. Poi è arrivata la pandemia e per ogni viaggio dovevamo effettuare dei test PCR. Ma è stato durante un torneo a Vigo che tutto è cambiato Javi.

"Ha fatto la storia"

Ricorda che la giovane pepita era associata a quel tempo Miguel semmler. I due spagnoli che hanno iniziato in preprevias sono riusciti ad accedere al tavolo finale andare ai quarti di finale incatenando 9 vittorie di fila. Questo non era mai stato visto prima.

Suo padre ricorda: Ci siamo preparati per andare a Vigo e dovevano essere le 4 del mattino quando abbiamo preso la strada per la Galizia. Non un suono in macchina, ricordo che hanno dovuto giocare contro Sillingo e Mati Diaz. E lì vincono".

È in questo momento che Javi interviene nella discussione:Aspetta, devi dirglielo. Sono venuti a Vigo senza cambiarsi perché erano sicuri che avrei perso !” (ride)

Il padre continua: “È vero (ride)! Quindi abbiamo prenotato un hotel e siamo andati in un bazar a comprare dei vestiti pensando che il giorno dopo saremmo partiti. Il giorno dopo arriva, gioca e vince. Rebelote torniamo nello stesso bazar e compriamo una o due magliette e biancheria intima. Buono il giorno dopo Paquito Navarro e Martin Di Nenno ci ha mandato a casa ! "

“Ed è stato allora con i risultati che i brand hanno iniziato ad avvicinarsi tra loro e che si sono potute creare partnership. ma è vero che prima di Vigo abbiamo avuto momenti difficili"

Javi Leal preparazione al volo di rovescio 2022
Javi Leal, sponsorizzato da Bullpadel dalla scorsa stagione

Allenamenti quotidiani

Dopo un momento di relax davanti a un caffè, è tempo di Javi per iniziare la sua giornata. Sul programma di allenamento fisico e tecnico.

“Dalle 8:00 alle 9:00 iniziamo con il potenziamento muscolare, poi ho 30 minuti di riposo e dalle 9:30 alle 11:00 continuiamo con il padel. Doccia express perché alle 11:30 ho appuntamento con lo psicologo in un altro locale per più o meno un'ora. Pranziamo e alle 15:30 facciamo una partita a padel contro Pincho Fernandez e Antonio Diestro."

Durante il video possiamo assistere ad un tipico allenamento di javi leal suggerito dal suo preparatore atletico Pablo Cabrera e una cosa è certa, quest'ultimo non esce di strada con il suo protetto.

Javi Leal-Santi-Pablo Cabrera

Pablo Cabrera : “C'è stato un cambio di mentalità in Javier l'anno scorso. Lavora molto di più, è molto più concentrato. In seguito all'infortunio è cambiato radicalmente e oggi si vede in pista".

javi leal : " All'inizio con Pablo è stato complicato perché mi chiedeva molto ea Cadice non ci ero abituato (Ride). Ma oggi va tutto bene, mi aiuta a indirizzarmi sulla retta via e ne sono felicissimo".

Ma basta parlare, sono le 09:10 e l'allenamento deve continuare padel. Direzionare l'altro lato della strada per andare alla seconda parte del club, alla M3 Padel Academy.

“Una promessa futura di padel"

Noi troviamo Jorge Martinez, allenatore di Javier Leal.

"Qui la chiamiamo dinamite perché è molto esplosiva e molto incontrollabile" conferma il suo allenatore.

Continua con queste parole: Penso che abbia un potenziale molto grande e lo sa perché ne abbiamo già discusso insieme. Tra pochissimo è un giocatore che vedremo attraversare le fasi finali. È una questione di tempo per lui di maturare un po' di più. È molto bravo perché difende e attacca bene. Sta facendo cose molto interessanti con la palla, ma deve comunque controllarsi un po' e dare quello che ci si aspetta da lui in una partita. In ogni caso se devo scommettere su un giocatore, senza dubbio scommetto su di lui. "

Javi Leal – Santi e Jorge Martinez

A sua volta Javi per esprimersi su quanto ha appena detto il suo allenatore: ” È vero che prima avevo un metodo di allenamento molto diverso. Attualmente mi viene insegnato ad essere più ordinato dentro e fuori pista ma anche a soffrire di più e per tutto questo lo ringrazio profondamente."

Una volta terminato l'allenamento, è il momento della parte mentale. Ancora troppo spesso trascurato, quest'ultimo è comunque fondamentale per i migliori atleti. Il giovane andaluso questo lo ha capito bene e va regolarmente da un mental trainer specializzato in sport, Sergio Parra.

“La psicologia è un elemento chiave nella padel"

Alcuni di voi potrebbero chiedersi quale sia la connessione tra la psicologia e la traccia di padel.

Sergio Parra ci risponde: ” La psicologia è un elemento fondamentale, sia che venga svolta in un ufficio o in un club di padel. È molto importante perché è in pista che metterà in pratica tutto ciò che stiamo sviluppando. È fondamentale che sappia affrontare un punto de oro o un tie-break. Che si tratti di un primo o di un terzo set, il modo di affrontarlo sarà totalmente diverso".

Javi Leal-Santi e Sergio Parra

"È fondamentale vedere come estrapoliamo la sessione che svolgiamo in pratica in pista. I giocatori devono quindi impostare le proprie routine grazie agli strumenti appresi durante i loro workshop con me.".

"I giocatori di padel devono capire l'importanza del loro stato d'animo quando entrano in pista. Devono quindi puntare sulle prime partite del primo set. Durante la partita è fondamentale che mantengano il controllo e la padronanza di quello che stanno facendo”.

Certo Santi volevo conoscere il parere del preside interessato.

“La psicologia mi permette di incanalare la mia energia. Come detto Jorge, in pista sono molto esplosivo. Può avere dei lati positivi ma a volte è il contrario ed è su questi temi che stiamo lavorando con Sergio perché diventi positivo”.

Questo video è molto interessante perché mette in luce la vita quotidiana di un giovane giocatore di padel ma ti permette anche di conoscere un po' di più la sua storia, i sacrifici fatti dai suoi genitori, ecc.

Puoi trovare il video in spagnolo qui sotto.

di credito: Desde dentro del padel TV

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.