Questa è una domanda che torna regolarmente dopo il famoso: “Da che parte giochi?

Quale posizionamento usare al servizio? Devo servire lo stile australiano?

Ricordalo a padel, come nel doppio, ci sono due modi di servire: il modo classico, o il modo australiano.

Come differenziarli e quale adottare durante le nostre partite con gli amici?

Oggi Padel Magazine affronterà questo argomento che a volte può creare dei disaccordi tra i compagni di squadra sin dai primi minuti di una partita.

Cos'è il servizio australiano?

Questa è una tattica usata nel doppio del tennis di base. Consiste nel tenere sempre la stessa parte in attacco ed è enormemente presente in campo padel tra giocatori di livello intermedio, avanzato e professionale.

Infatti, a un certo livello, è normale che i giocatori si specializzino su un lato della pista (destra o sinistra). Pertanto, i giocatori inizieranno i punti sempre dalla stessa parte. All'inizio può sembrare strano, ma è il modo più comune di lavorare. padel.

Servizio Juan Lebron Ale Galan WPT Messico 2021

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo posizionamento?

Prima di tutto, parliamo dei vantaggi del posizionamento australiano.

Il primo è ovviamente la specializzazione. In effetti, quando ti sei specializzato in una parte, è più probabile che giochi bene se rimani lì. Inoltre, anche se siamo a nostro agio a destra come a sinistra, cambiare continuamente lato durante una partita può farci perdere l'orientamento. Così, posizionandoci alla maniera australiana, sapremo perfettamente cosa dovremo fare e saremo molto più ordinati nel nostro gioco.

Lo svantaggio più importante per questo tipo di posizionamento è il fatto che durante un punto su due si offre la possibilità di passare al ritorno. Infatti, il giocatore che ha servito nella diagonale opposta alla sua parte può essere messo rapidamente in difficoltà se non riprende abbastanza rapidamente la sua posizione.

Quale posizionamento adottare?

Molti allenatori consigliano ai giovani giocatori di farlo padel che iniziano a servire in un “classico“, vale a dire cambiare schieramento ad ogni servizio.

Come mai ? Semplicemente perché li costringe a imparare ad evolversi da entrambe le parti. Infatti, siccome in difesa dobbiamo scegliere una posizione e mantenerla per tutto il set, in attacco sfruttiamo la possibilità di alternare in ogni momento destra e sinistra per prendere confidenza con entrambe le parti. Prima di volersi specializzare, è fondamentale che il giocatore sappia giocare a destra ea manca. Innanzitutto per sentirsi a proprio agio durante i cambiamenti che si possono fare durante un punto, ma anche nell'ottica di potersi adattare ai diversi partner. Una volta che queste nozioni sono ben integrate e il livello del giocatore si è evoluto, può ovviamente decidere di specializzarsi dalla parte in cui è più a suo agio e attenersi ad essa.

Inoltre il servizio cosiddetto “classico” offre la possibilità alla squadra che si impegna a coprire gli angoli impedendo al rientrante di poter tentare un sorpasso di un punto su due. Inoltre, questo posizionamento consente di portare varietà. Infatti, come in padel giochiamo molto in diagonale, tendiamo ad abituarci alle palle del giocatore che è nel nostro “cruzado”. Quindi, passare all'attacco può sorprendere un po' i difensori. Si tratta quindi di una tattica che può essere utilizzata, a volte anche tra i professionisti, per stravolgere un po' le difese.

In conclusione, se comprendiamo che tra i giocatori già esperti, il servizio australiano rimane largamente in maggioranza, non bisogna dimenticare il posizionamento "classico" che deve essere la norma tra i principianti e che può essere sempre interessante per le partite da sbloccare, anche ad alto livelli.

E lei ? Che servizio usi?

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.