Siamo Padel, uno dei più grandi centri privati ​​in padel in Europa rischia di chiudere metà dei suoi club in Svezia...

Sarebbe la Svezia lo specchio della futura Francia del padel ? Vale la pena porsi la domanda, poiché apprendiamo che il franchise svedese Siamo Padel (WAP) potrebbe chiudere circa la metà dei suoi circa 80 complessi. In questione, redditività insufficiente e perdite di 1,4 milioni di euro al mese in tutto il Paese, ovvero quasi 17 milioni all'anno.

Queste informazioni provengono dal sito svedese Padelfebbre, e preso in consegna da Padelcontralto in lingua inglese. WAP impiega circa 300 persone in Svezia, alcune delle quali potrebbero perdere il lavoro. La causa delle perdite finanziarie? Una fornitura di terreni esplosa nel 2021, con in particolare locali “pubblici” a prezzi più bassi e che non sono soggetti agli stessi requisiti di redditività del settore privato. Oggi ci sono circa 3500 tribunali di padel in Svezia, una pista per 3000 abitanti! In Francia è piuttosto una pista per 50 abitanti…

Energia troppo cara, affitti troppo alti

Un altro colpo è legato alla guerra in Ucraina e all'esplosione del costo dell'energia, il più delle volte indispensabile per il riscaldamento degli ambienti padel, in questo paese dove fa molto freddo. WAP sta anche cercando di rinegoziare al ribasso i prezzi di affitto delle sue sale riunioni. padel.

Alcune delle città in cui WAP opera in Svezia.

Siamo Padel appartiene al gruppo LeDap (o Padel in gergo). Come abbiamo indicato in questo articolo, questo gruppo gestiva più di 90 centri e 600 campi da calcio. padel fine 2021, con i marchi We Are Padel (Svezia), Giusto Padel (Norvegia), Padel Club Finlandia, Padel Tampere, ProPadel (Finlandia), Padel Zona (Austria), ecc. LeDap ha persino pianificato di raddoppiare la sua attività nel 2022, con più di 200 siti e 1700 sentieri. padel.

In un Post di Facebook, evoca il nostro collega Romain Taupin “un terremoto nel mondo di padel", credendoci "la concorrenza dei club di tennis pubblici in Svezia ha creato troppa offerta rispetto alla domanda". Vede entrambi “Cattive notizie e buone notizie”, in grado di convincere “imprenditori privati ​​che uno sviluppo del padel intelligente e raggruppata, che segue una rigida logica economica, lontana dalle fantasie di diventare milionario”.

Romain Taupin, Padelonomica

In Francia, attenzione alle rotture

La battuta d'arresto finanziaria che colpisce We Are Padel in Svezia dimostra chiaramente che, per quanto forte sia il boom globale padel, il suo sviluppo non può prescindere dal numero degli appezzamenti, dai luoghi in cui sono ubicati e dal modello economico preferito.

Con circa 1400 tiri oggi, la Francia è dietro alla Svezia. Ma vista la storica convivenza tra operatori privati ​​e società associative – dove il denaro pubblico finanzia in parte le infrastrutture – è fondamentale che la FFT e il Ministero dello Sport vigilino e regolino le future costruzioni e lo sviluppo di questo sport. Altrimenti, anche in Francia, ci saranno danni!

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.