Sanyo Gutiérrez si trova in una situazione molto particolare e del tutto inedita. Anzi, il suo compagno di squadra Agustin Tapia non può giocare per il momento Premier Padel, perché i legami tra il suo marchio Nox e il World Padel Tour impedirglielo. Padel contralto va incontro al “mago de San Luis”.

Un inizio di stagione poco brillante

Sanyo: Siamo stati abbastanza coerenti, ma penso che questa pausa sia stata molto positiva per me. Mi ha aiutato a recuperare il tempo perso in pre-stagione. Sono stata 20 giorni senza potermi allenare per problemi di salute, in un pre-stagione già molto breve. Non ero al 100% fisicamente.

“Nonostante ciò, siamo riusciti a vincere un torneo a Reus e raggiungere le semifinali negli altri tornei. Alla fine, in una stagione così lunga e con così tante competizioni, la costanza è fondamentale. Siamo felici ; d'ora in poi cercherò di aiutare di più Agustín, che sta facendo molto bene, ma cercherò di essere più all'altezza.

Lebron/Galan: la coppia da battere

Domanda: Hai affrontato i numeri uno in 3 tornei su 4 e la differenza sul tabellone è stata enorme ogni volta, sia a favore che contro di te. Come lo spieghi?

Sanyo: Nella partita di Alicante, il punteggio è stato di 6-1 6-1 per loro con tre punti d'oro in ogni set, e li hanno vinti ogni volta. Oggi perdi con quel punteggio e sembra una grande differenza, ma forse non è così grande. Ad Alicante non abbiamo giocato bene nei punti chiave, e loro lo hanno fatto. A Reus abbiamo anche conquistato importanti punti d'oro che ci hanno dato fiducia per il resto della partita.

Lebron-Galan-Sanyo-Tapia-WPT-2022-Reus-Open

Domanda: Non molto tempo fa eri il leader di Gara 2022, e ora sei secondo, subito dietro ad Ale e Juan, pensi di essere la coppia da battere?

Sanyo: Sono sicuramente la coppia da battere. il padel che pratichiamo è molto veloce, il più delle volte le condizioni non sono né lente né veloci e sono ottime. In queste condizioni si nutrono della loro potenza d'urto, dove fa la differenza. Quando va molto veloce, può bilanciare un po' perché siamo anche in grado di colpire. Ma dato che giochiamo molti tornei in condizioni intermedie, loro sono la coppia da battere, sono i migliori.

Le padel professionista, come il tennis

Domanda: Come ti sei sentito dopo aver partecipato al primo torneo del nuovo circuito? Premier Padel ?

Sanyo: I miei sentimenti erano contrastanti. Per quanto riguarda l'organizzazione del torneo, tutto si è potuto vedere in televisione, è stato davvero spettacolare. Ma l'interno, che non si vedeva, era ancora meglio: la stanza dei giocatori, i luoghi per il riscaldamento, la stanza della fisioterapia, il ristorante dei giocatori, davvero strepitoso. Ho avuto la possibilità di scoprire il tennis durante un Master a Londra con Juan Carlos Ferrero dall'interno ed è stata la stessa cosa, la stessa qualità delle strutture, tranne che invece di giocare con le racchette lunghe, abbiamo giocato con le racchette corte. (Risate)

Domanda: E il gioco?

Sanyo: Ho finito di giocare una semifinale a Vigo, sono andato subito in Qatar, sono arrivato per giocare il giorno dopo senza allenamento e ho perso. Se avessi vinto, avrei potuto prendere il ritmo. Sono passato da una partita indoor a una partita all'aperto, con avversari che avevano appena giocato 8 partite, e ci hanno battuto bene. Inoltre ho giocato con Agustín (Gutiérrez) con il quale, pur essendo mio nipote, avevo giocato solo tre partite in vita mia. Ci siamo sempre allenati l'uno contro l'altro, ma mai come partner !

Senza Tapia, è difficile

Domanda: Suonerai a Roma con Tapia?

Sanyo: Non lo so ancora, ma quest'anno, se Agustin Tapia non potrà giocare sul circuito, sarà molto complicato per me. Perché alla fine dovrò allenarmi con due compagni, con due sistemi di gioco diversi, e questo renderà la stagione molto complicata per me.

Domanda: continuerai con tuo nipote in questo caso?

Sanyo: Se davvero Agustin Tapia non può giocare Premier Padel, cercherò di affrontarla nel migliore dei modi, e continuerò con mio nipote che diventerà il mio partner ufficiale per questo circuito.

Dai suoi nomi si possono intuire le sue origini spagnole e italiane. Lorenzo è un poliglotta appassionato di sport: giornalismo per vocazione ed eventi per culto sono le sue due gambe. È il gentleman internazionale di Padel Magazine. Lo vedrai spesso nelle varie competizioni internazionali, ma anche nei maggiori eventi francesi. @eyeofpadel su Instagram per vedere le sue migliori foto di padel !

tag