Ci vediamo a quasi 32 anni, quello che divide il suo tempo tra il francese Padel Fai acquisti, mio Padel Cieco e Padel XP, si afferma come attore fondamentale nel padel français. Dopo aver parlato del suo viaggio, l'imprenditore ha parlato dell'evoluzione del nostro sport, del suo boom strutturale e della sua espansione globale. Veniamo ora alla seconda parte del suo ritratto.

In Spagna due mondi si scontrano

“C’è una crescita, ma se la confrontiamo con altri mercati come Andorra, è naturalmente inferiore. IL padel non è mai stato così presente in Spagna, e il gioco d'azzardo non è mai stato così costoso. Esistono due mondi: quello delle grandi città come Barcellona, ​​con un prezzo che può arrivare a 12 euro al chiuso, e quello dei piccoli villaggi, dove lo stesso gioco costa 5 o 6 euro! E' esattamente come in Francia con i club pubblici e privati. »

Prezzi, ristrutturazioni, clienti: tutto sta accelerando

“Stiamo assistendo ad un aumento dei prezzi nelle grandi città. L’elettricità è cara, il prezzo dei terreni è aumentato, tutto questo deve essere ammortizzato. I terreni sono stati ristrutturati perché cominciavano a invecchiare (tra i 15 ei 20 anni). Sono arrivate nuove generazioni di tappeti erbosi, ma ciò richiede un investimento. Quando paghi 35 euro per cambiare 000 prati, devi poter recuperare questa cifra! »

“Il mercato continua a crescere, soprattutto dopo il Covid. Notiamo l'arrivo di nuovi praticanti, l'aumento della clientela femminile, lo sviluppo di attività e tornei. Oggi un'applicazione come Playtomic non ha mai avuto così tanti utenti in territorio spagnolo (un milione di utenti attivi al mese secondo gli ultimi dati, ndr). E continua a crescere. »

Manu Garcia

Un potenziamento delle strutture iberiche

“Se parliamo di numero di giocatori, tocca ai paesi vicini raggiungere la Spagna. Ma se parliamo di qualità, è proprio la Spagna, dotata di infrastrutture obsolete, che sta recuperando terreno e tornando a un certo standard di qualità rispetto a Francia e Italia. I club devono aumentare la qualità del servizio. Quando hai giocatori che vengono da fuori per fare corsi di formazione, non puoi permetterti di ospitarli in posti di fascia bassa. »

Le padel, effetto moda o vera tendenza?

“Ciò che non rassicura è usare la parola “moda” che è effimera per definizione. Non si tratta quindi di una moda passeggera ma di un “trend” destinato a durare nel medio e lungo termine. Gli investitori dovrebbero tenere presente che questo sviluppo durerà facilmente dai 6 agli 8 anni. Sul piano privato possiamo avere paura dei club pubblici. Ci sono migliaia di club di tennis pubblici in Francia e non dovresti limitarti solo al tennis! Ad esempio, posso benissimo immaginare una società di calcio che ha 800 metri quadrati inutilizzati e decide di metterci dei campi da gioco. padel, perché il pubblico lo adorerà. Ciò è ancora più vero quando vediamo giocare stelle come Abidal, Wiltord, Zidane, Neymar o Totti. padel. "

“Per tornare ai tennis club, questi attori non hanno mai guadagnato così tanti soldi. Ciò crea problemi anche con i municipi: vedono che le associazioni possono autofinanziarsi, quindi cercano di riservare un budget per qualcos'altro. Indipendentemente da ciò, questo sport continuerà a progredire e ci sarà una sana competizione. Ciò che farà la differenza sarà la qualità del servizio: esterno, interno, spogliatoi, bar, ristorante. »

Francia-Italia-Spagna, le tre regioni favorevoli agli investimenti

“Per me la Francia è davvero un Paese nel quale bisogna investire e giocare la carta padel completamente. Siamo un paese molto popolato con un enorme potenziale di praticanti. L’ostacolo è l’amministrazione. C'è una quantità eccessiva di passi da compiere. »

“Poi metterei Italia e Spagna. Amministrativamente è molto più leggero, molto più veloce, anche se c’è già più concorrenza e più attori sul territorio. Ad esempio nella regione di Roma ci sono più strutture che in tutta la Francia. Questo dimostra quanto sia trendy. »

I cinque paesi di padel il più iconico

“Nel numero 1, l’Argentina. Storicamente, è un paese che ha fatto moltissimo per questo sport e dove il padel è una religione. Mi piace il simbolismo e questo lato purista. »

“Nel numero 2, la Spagna. È la culla europea del padel, il DNA è impiantato lì. È qui che troviamo il miglior livello, grandi club, marchi, allenatori e altri grandi giocatori. »

“Nel numero 3, l’Italia. Il fervore lì è eccessivo, gli italiani lo adorano. Molte persone influenti suonano lì, penso che sia un buon paese per questo. »

“Nel numero 4, la Francia. Nel giro di dieci anni il nostro Paese potrà essere tra i migliori. C'è molto spazio e molti residenti. Alcuni paesi come la Germania non hanno la stessa superficie. Colloco qui la Francia per il suo potenziale futuro. »

“Nel numero 5, il Belgio. Queste sono persone che lavorano bene. Potrebbero essere in battaglia con il Messico, che ha disputato un torneo World Padel Tour e che rappresenta una grande leva per lo sviluppo dello sport in Sud America. »

“Infine, nella categoria bonus, penso agli Stati Uniti. È incredibile per numero di campi, giocatori, professionisti, qualità dell'insegnamento. Tra vent’anni rischiano di superarci. »

La prima parte del suo ritratto può essere trovata sopra:

È stato attraverso suo padre che Auxence ha scoperto il padel, sei anni prima. Oggi segue con passione il circuito internazionale e stuzzica il pala nel suo club di allenamento, il Tolosa Padel Club. Lo trovate anche su La Feuille de Match e LesViolets.com, due media specializzati sul Toulouse Football Club.