Pedro Plantier, direttore tecnico della Federazione portoghese, ci ha raccontato la sua gioia dopo l'incredibile vittoria della sua squadra maschile contro i brasiliani.

Padel Magazine : La scorsa notte è stata fantastica per il Portogallo, vero?

Sì, soprattutto per gli uomini. 4 anni fa in Paraguay abbiamo battuto la Francia nella categoria femminile, ma lì, la vittoria dei nostri ragazzi contro il Brasile, è solo un sogno ad occhi aperti. È incredibile. Ricordo ancora una partita del 2006 del Brasile, che batté la Spagna in semifinale di Coppa del Mondo e noi eravamo felicissimi per loro. A quel tempo, il padel stava appena iniziando con noi in Portogallo. E 16 anni dopo, abbiamo battuto il Brasile qui a Dubai! È il lavoro dei giocatori, della Federazione, dei club che oggi viene premiato.

Pedro Pitucas Plantier, Direttore Tecnico della Federazione Portogallo

PM: Questo è il tuo miglior ricordo in termini di padel ?

È paragonabile per me alla prima grande conquista della Federazione portoghese di padel, quando abbiamo ottenuto il riconoscimento come federazione al posto della Federazione Tennis. È stato un enorme successo politico ed è ciò che permette al nostro sport di crescere. Ma a livello sportivo, per noi è senza precedenti. Siamo più abituati ai grandi successi delle nostre ragazze, ma mai contro una squadra forte come il Brasile nella categoria maschile. Ho ancora la pelle d'oca. Ci siamo scambiati di nuovo messaggi alle 5 del mattino perché nessuno di noi due poteva dormire con l'adrenalina che abbiamo avuto durante questo incontro. Ci tengo a sottolineare che è stata una vittoria di squadra, quella dei giocatori ma anche quella di tutti intorno, ragazze comprese. Alcuni di noi non potevano più parlare perché piangevamo di felicità. È un sogno che si avvera.

PM: E il tuo prossimo avversario, in semifinale?

Battere il Brasile era il nostro obiettivo principale. Adesso affrontiamo l'Argentina e daremo tutto ma giocando senza pressioni, cercando solo di dare il meglio di noi stessi. Abbiamo già giocato contro la Spagna, quindi sappiamo cosa aspettarci e ci godremo soprattutto questi momenti. E poi finché la competizione non finisce, tutto può succedere. Vedremo cosa si può fare.

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.