Patrick Guérin evoca per noi il modello di sviluppo del padel che favorisce il suo Lega dei Paesi della Loira. Il presidente di questo campionato consiglia anche di sfruttare gli errori commessi con il tennis e di dare la priorità ad aiutare i giocatori locali nel loro progresso.

Padel Magazine : Parlaci dello sviluppo di padel nella tua lega

Patrick Guerin: "Oggi abbiamo un centro campionato particolarmente efficiente con quattro padel tra cui due campi semi-coperti che ti permettono di giocare tutto l'anno. La cosa più importante non è costruire tracce, ma soprattutto animarle. E cerchiamo attraverso il campionato di dare l'esempio con l'implementazione di molte animazioni padel, grazie in particolare al nostro team di docenti. Dorine Rabas gestisce il gioco padel e sta facendo un ottimo lavoro in campionato. »

Le padel può aiutare il tennis a ritrovare i suoi valori perduti

“Penso che abbiamo più che mai raggiunto gli obiettivi del gioco padel. In due anni siamo passati da 0 a 490 licenziatari padel. Questo dimostra il successo di questa disciplina al centro del campionato quando è storicamente radicata nel tennis. L'atmosfera, l'ambiente padel mi ricorda quello del tennis di 40 anni fa. Penso che questo sia uno dei motivi del suo successo. Il dopo-padel è molto importante. È uno spirito che il tennis deve assolutamente riscoprire. E penso che il padel può aiutarlo. Il tennis aiuta il padel sviluppare. il padel può anche aiutare il tennis a ritrovare i suoi vecchi valori persi nei club. »

“L'altra conseguenza di questa emulazione creata dal padel, queste sono le partnership che creiamo con le aziende. In padel, attiriamo le persone. Ad esempio, lavoriamo e collaboriamo con Decathlon. Questo porta un surplus di dinamismo, che è molto apprezzabile. »

PM: Quali sono le cifre del padel nei cinque dipartimenti della tua lega?

PG: “Oggi abbiamo 15 circoli e 38 piste sul territorio, contando le strutture autorizzate [NdR: circoli privati]. Abbiamo 1050 giocatori classificati e abbiamo registrato 141 gare approvate nel 2022. Sulla carta, quindi, penso che siamo su un'ottima pista. Per non parlare dei campionati a squadre che si stanno organizzando con due divisioni. »

Patrick Guérin, presidente della Ligue des Pays de la Loire.

PM: Qual è la tua politica di sviluppo?

PG: “La nostra politica di sviluppo ha quattro assi.

In termini di compétition, voteremo in particolare sei borse di studio a favore dei nostri migliori giovani. Organizzeremo anche raduni, con rilevamento nei nostri cinque dipartimenti (Loire-Atlantique, Maine-et-Loire, Mayenne, Sarthe e Vandée) e faremo un tour di una settimana per i giovani. Organizzeremo anche un corso di due giorni con la supervisione di spagnoli.

Sarà sicuramente rilanciato il FIP RISE offerto al tennis club Angers. Perché i tornei internazionali sono importanti. Fa bene al dinamismo della regione. »

Nell'ambito del ns aiuto per lo sviluppo, abbiamo stanziato 8000 euro per la parte padel.

“L'obiettivo è quello di sviluppare interclub, campionati regionali e l'organizzazione di un P1000 nel corso del 2022/2023.

Una volta costruite le tracce, non dimenticare la supervisione

In termini di alto livello, il campionato supporterà anche i giocatori che intendono diventare professionisti. È già il caso di Marie Lefèvre (n°8), Mélanie Ros (n°10) e Laura Buteau (n°16), per le quali definiremo un aiuto finanziario per aiutarli a formarsi. »

"Nel campo della formazione, creeremo quattro borse di studio per i minori di 18 anni più meritevoli, per aiutarli a entrare nel mondo padel in Francia e forse a livello internazionale. Si prevede inoltre di organizzare una giornata di scoperta in ogni dipartimento e di sviluppare il titolo a fini professionali per promuovere l'insegnamento padel. Abbiamo anche sei tirocinanti che spero ottengano questo titolo. »

PM: Quali sono le insidie ​​da evitare quando si tratta padel ?

PG: “Non dovremmo costruire terra di padel selvaggio. Deve essere pensato in anticipo. Una volta che hai dei contatti, hai bisogno di supervisori. Quello che voglio dire è che dobbiamo stare attenti a dove mettere le terre e poi dopo, una volta che quelle terre sono state costruite. Avere piste ovunque in Francia va bene, ma se queste piste vengono abbandonate dopo un certo tempo per mancanza di supervisione, sarebbe ripetere gli errori commessi con il tennis. »

Fai le cose come in un razzo

"Dobbiamo anche tenere conto di cosa ha funzionato e cosa non ha funzionato bene con il beach tennis per evitare certi errori nello sviluppo della padel. Propongo di fare le cose passo dopo passo, come in un razzo: partire dalla base prima di salire più in alto. »

PM: Lei ha denunciato una "deriva" di alcuni giocatori che si possono definire opportunisti...

PG: “Non sono favorevole a che giocatori di altre leghe vengano ad approfittare di un campionato che potrebbe essere meno sviluppato, ad esempio durante un campionato regionale. A lungo termine, il campionato non vince con questo tipo di strategia. Ogni campionato deve avere la sua traiettoria. Alcuni campionati sono in vantaggio e hanno molti ottimi giocatori, come nel caso dell'Occitania o del PACA. Ma mi dà fastidio che giocatori di queste leghe vengano a trovarci, cambino lega e poi chiedano aiuto che è più destinato ai giocatori della nostra lega. È una deriva, dobbiamo essere vigili e dare priorità ai giocatori locali. »

LEGGI anche la nostra attenzione sulla Lega Normandia

Squadra Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.