Al microfono del nostro giornalista, Pablo Ayma torna con la consueta simpatia ai risultati della squadra francese durante questi Mondiali. Ma anche sul suo metodo di preparazione e sul suo futuro sotto i colori tricolori.

Sconfitto in semifinale dall'orco spagnolo, i Blues hanno ancora la possibilità di brillare e riportare un bel terzo posto contro il Portogallo questo sabato.

"Capire il tempo prima di giocare"

"Siamo in condizioni eccellenti, le strutture sono ottime e gli organizzatori ci trattano molto bene."

"È molto importante avere una buona comprensione del tempo e vedere come reagisce la pista. Non è lo stesso giocare alle 14 perché con il caldo, i giocatori che hanno un grande successo possono colpire, ma se questi stessi giocatori li giochi più tardi, nel terzo gioco, è come se gli avessi portato via le armi. Cambia tutto perché da una partita veloce si passa a una più lenta dove dovrai difendere meglio perché le finestre sono più umide".

"I primi 4 obiettivi"

"Ieri contro il Belgio è stata come una finale perché è stata una partita con tante aspettative dove abbiamo giocato di tutto. Era il momento che confermerebbe se fossimo finiti tra le quattro migliori nazioni del mondo o se stessimo per scendere ulteriormente. Il nostro obiettivo era ovviamente quello di essere tra i primi 4. Abbiamo vinto duramente 2/1 contro di loro. I giocatori hanno giocato bene e hanno rispettato il contratto. Il Belgio è stato un avversario difficile, ma penso che il Paraguay sia stato molto difficile da giocare. Abbiamo sofferto molto e anche se abbiamo vinto 2-1 non ci aspettavamo di soffrire così tanto contro questa grande squadra.

Gli azzurri più uniti che mai nella partita per il 3° posto contro il Portogallo

"L'ordine delle coppie non significa nulla"

"Ogni volta che andiamo a giocare guardo le partite che hanno giocato i giocatori per darmi un'idea delle coppie che posso fare. Da parte nostra, abbiamo deciso di allineare nella coppia numero 1 Tison-Maigret poi Bergeron – Scatena e infine Blanqué – Leygue. Questa decisione è stata presa perché, ad esempio, a Bastien e Thomas non dispiace giocare più tardi la sera perché il loro gioco si adatta ad essa. Benjamin, invece, preferisce giocare per primo. Quello che faccio è un incontro con ciascuno di loro e poi collettivamente”.

"Bastien e Thomas stanno giocando molto bene e ci hanno portato due punti molto importanti. Ma va anche notato che ieri Benjamin e Adrien hanno disputato una partita di altissimo livello. Idem per Jérémy e Johan che hanno incontrato la coppia paraguaiana più tosta. Erano brillanti. Quindi a volte l'ordine delle squadre schierate non conta nulla e durante un Mondiale l'obiettivo non è tanto giocare bene ma saper essere competitivi."

“Avevo dei dubbi tra Adrien e Dylan”

"Sì, abbiamo parlato insieme ad Adrien. Mi ha detto che è molto contento della fiducia che ripongo in lui. A Perpignan ho discusso con lui perché non stava giocando molto bene e non era in buona forma fisica. Gli ho detto che avevo fiducia in lui ma che doveva dimostrarmelo giocando meglio. Durante il ritiro a Barcellona ho avuto dei dubbi perché un altro giocatore si è distinto giocando ad un livello incredibile. Quest'ultimo è Dylan Guichard. Erano i due giocatori rimasti in lizza perché Jérôme Inzerillo e Maxime Moreau stanno giocando molto bene. In fondo ho scelto Adrien perché ha molta esperienza e inoltre può evolvere sia a destra che a sinistra. La mia intenzione quando sono arrivato qui era che Adrien giocasse sulla destra. Però ha giocato a sinistra con Benjamin e alla fine ci ha fatto guadagnare dei punti molto importanti."

Paquito Navarro e Alejandro Galan, i carnefici spagnoli

“Dare tutto contro la Spagna”

Per questa partita contro la Spagna abbiamo avuto un incontro con i giocatori ma nonostante stiano facendo un ottimo lavoro in pista, non sono necessariamente dei maghi (ride). Ho detto loro che oggi era una ricompensa per tutto il duro lavoro. Far parte delle quattro migliori squadre del mondo è un onore. Daremo tutto ma è molto probabile che gli spagnoli vincano questa partita [cosa confermata dopo questa intervista]. C'è ancora una grande differenza di livello perché stiamo parlando dei migliori giocatori padel nel mondo. Ho chiesto loro di fare di tutto anche se dovessimo perdere 6/0. Questo è ciò che è bello in una competizione è che quando affronti un avversario più forte di te, impari e ti costringe a essere migliore.

Il Portogallo, che ha eliminato il Brasile, sarà l'avversario dei francesi per il 3° posto

"Un'opzione contro il Portogallo"

Contro il Portogallo, penso che ci siano opzioni per giocare. Per il momento sono concentrato sulla nostra partita di giornata contro gli spagnoli. Ma sì, ho in mente il Portogallo perché all'inizio pensavamo di dover incontrare il Brasile. Quando avrò un momento libero questo pomeriggio e domani mattina guarderò tutte le partite della selezione lusitana ma penso che abbiamo delle opzioni. Chissà che potremmo essere in grado di ottenere il terzo posto. Ma come dicevo, la cosa più importante in questo momento è la partita contro La Roja.

“Continua l'avventura con la selezione francese”

"Continuare l'avventura da capitano della Francia sarebbe un onore. Ho un ottimo rapporto con tutti i giocatori e mi piacerebbe continuare, non solo come allenatore ma anche per portare tutta la mia esperienza di padel in Francia. Vorrei il padel in Francia hanno un futuro meraviglioso. L'età media dei nostri giocatori è piuttosto alta, a parte Thomas e Bastien. Quindi è essenziale concentrarsi ora sulla creazione di scuole per i più piccoli perché tra 5 e 6 anni avremo bisogno di nuovi attori."

“Vorrei concludere ringraziando tutti e dicendo che sono molto motivato”.

Ora puoi trovare questa intervista in spagnolo qui sotto.

Sebastien Carrasco

Futuro naturopata e appassionato padel, Seb è il gentiluomo della salute/cibo di Padel Magazine. Si destreggia tra pala, quinoa e oli essenziali. Da quasi due anni si occupa con la stessa passione della notizia del pallino giallo.