Grande formato oggi su Laurent Imbert, uno dei primissimi giocatori di padel sul territorio francese.

In tutti gli sport ci sono leggende. E noi a padel, abbiamo il nostro: Fernando Belasteguin, numero 1 mondiale per 16 anni consecutivi: RISPETTO!

Noi fan di padel, ci meravigliamo della ripetuta abilità delle stelle del padel globale ma Padel Magazine deciso, su questo, di essere un po' più francese del solito.

Ecco perché abbiamo scelto di fare un grande formato su qualcuno che potesse essere, per molte ragioni negli ultimi 30 anni, un po' la nostra stessa "leggenda", o anche la nostra Wikipedia di padel !

“Mi sono innamorato di questo sport”

Padel Magazine : Ciao Laurent, prima di tutto come stai?

Laurent Imbert: Sono in ottima forma dopo, come molti di noi, un passaggio quasi obbligato attraverso la scatola del Covid e anche questa guerra in Ucraina che hanno reso questi due anni molto difficili e talvolta tragici per molte persone! Ma per il resto va tutto bene.

PM: Puoi dirci come e quando hai iniziato il padel ?

LI: Ahia! Farà un po' male in termini di date! Ho iniziato nei primi anni '90 a Tolosa un po' per caso all'età di 16 anni, perché uno dei primissimi campi era stato costruito in un circolo di tennis, a Blagnac. Dopo qualche ora di scoperta e pratica, mi sono innamorata di questo sport!

PM: Per i fan di questo sport, è stato il modo padel in quegli anni?

LI: Le attrezzature e le piazzole erano lontane anni luce da quelle che sono oggi: campo con pareti in blocchi tinteggiate, racchette di legno spesse 10 mm, il famoso “pico” (ritorno da muro di 10 cm) tra la recinzione e il muro, l'intera corte era 4 metri di altezza e la differenza più grande quando ho iniziato è stata che ci siamo allenati al ritorno e al volley. È stata la squadra che ha restituito il servizio che è salito al volo!

Basti dire che non abbiamo visto molti par 3, par 4 e uscite dalle porte!

Era un padel con molti meno giocatori e praticanti, con aspetti finanziari molto lontani da quello che sta succedendo oggi, pubblicizzato solo sui giornali locali e in termini di gioco, molto meno spettacolare di oggi ma aveva anche i suoi pregi e il suo fascino.

Ecco come appariva il palas all'inizio degli anni '1990.

PM: Come ti sei allenato e giocato con così pochi giocatori e nessun allenatore?

LI: Abbiamo praticato molto allenamento nelle diagonali destra e sinistra in singolare. È un allenamento molto impegnativo e molto fisico. Impara a difendere e ad attaccare da entrambe le parti. Mi ha anche permesso di sentirmi a mio agio per poter giocare a destra ea manca e, infine, per essere più completo. Questa è una delle modalità di pratica che consiglio a tutti i giocatori, è molto istruttiva e complementare ad allenamenti più specifici.

Siamo comunque riusciti a giocare ma la maggior parte del tempo lo abbiamo trascorso in Spagna e più precisamente a Barcellona per i tornei e per diversi anni a Marbella durante il periodo estivo. Marbella e l'Andalusia erano "The Place To Be" nel padel Europea e persino globale.

World padel Tour Marbella 2019

PM: Precisamente, parliamo di Marbella in Andalusia che ha sempre avuto un posto importante nel padel in Spagna. Perché e come ci sei arrivato?

LI: Ho amici che vivono lì da molto tempo (possiedono Tennis Brothers, un club di tennis) e che hanno giocato anche per la squadra francese per diversi anni. Quando sono arrivato per la prima volta a Marbella, mi hanno presentato tutti i grandi giocatori e i proprietari di club. Quindi, ho aiutato nei club e in cambio ho avuto accesso alle strutture. Questo mi ha permesso di allenarmi con i migliori giocatori del mondo per diversi anni.

A dire il vero, erano soprattutto molto simpatici a voler giocare con me… ma avevo comunque il mio piccolo livello per potermi divertire con loro!

“Ho giocato con i più grandi”

PM: Chi sono i migliori giocatori con cui hai giocato?

LI: Ho suonato con i più grandi: Hernan Auguste, Juan Martin Diaz, Willy Lahoz, Alberto Piñon, Pablo Semprun, Sebastian Nerone solo per citarne alcuni, e in particolare Roby Gattiker e Alejandro Lasaigues che sono stati le superstar negli anni dal 1990 al 2000.

L'elenco è lunghissimo e ne dimentico molti (spero che mi perdoneranno se leggeranno l'articolo).

Fernando Belasteguin, l'ho incontrato tante volte quando è arrivato dall'Argentina e ho giocato contro di lui all'esordio in Spagna (non parliamo dei risultati ma che divertimento!)

Uno dei miei grandi incontri è stato anche Gaby Reca, nel 1996 se non ricordo male. Un top player, un bel ragazzo con un'ottima carriera, che trasmette molto agli altri e con il quale sono rimasto in contatto.

Ho anche visto ex nazionali argentini e spagnoli durante il Campionato del mondo Senior a Las Vegas come Oscar Not, Carlos Almazan o Cecilia Bacigalupo... ricordi, ricordi!

PM: Proprio per tutti questi anni ci devono essere ricordi, aneddoti, no? E alcuni più importanti di altri?

LI: Quindi ecco, dovremo scrivere un libro o una trilogia! Ma sì, tutti questi anni sono stati pieni di ricordi, aneddoti e incontri, tutti diversi e vissuti in epoche diverse. Per aneddoti croccanti, preferisco rimanere discreto...

Quando arrivi al 1° Campionato del Mondo di Padel a Madrid, che hai solo 19 anni e che stringi la mano al re di Spagna Juan Carlos, che ascolti gli inni, che suoni per il tuo paese, e anche se fosse ancora uno sport confidenziale, questi sono momenti e emozioni che solo lo sport può regalarti e che restano indimenticabili.

Per chi conosce il tennis qualche anno fa, ho giocato in Paraguay, ad Asuncion, contro Victor Pecci (ex finalista al Roland-Garros contro Bjorn Borg) nel suo club. Superstar nel suo paese, diretta televisiva nazionale, tribune piene, è stato sia super eccitante ma anche molto terrificante per un ragazzo di 20 anni. Coloro che hanno avuto la possibilità di giocare partite di padel in Sud America conoscete la calda atmosfera sugli spalti…

Ci sarebbero tante cose da raccontare ma non faremo la mia biografia, non è detto che tutti ne siano appassionati!

Una bandiera francese in mezzo alle bandiere argentina e spagnola

PM: E a livello sportivo, i tuoi migliori ricordi o risultati?

LI: C'è ovviamente l'1er Campionato mondiale di storia padel nel 1992 a Madrid e io c'ero!

Il Campionato del Mondo a Tolosa, nella mia città, nel 2000.

C'è stata la creazione di My Padel Tour con il mio amico Alexis Salles e all'improvviso, colgo l'occasione per salutarlo perché anche lui è uno dei miei incontri più belli grazie al padel.

Laurent Imbert, Didier Deschamps e Alexis Salles

Se parliamo del risultato stesso, il mio ricordo più grande è stato il 3esimo posto ai mondiali del 2012 con la squadra femminile. Questa è la prima e unica volta che una squadra francese ha vinto una medaglia di bronzo in un campionato del mondo a squadre.

Quando guardi il padel su Wikipedia e vedi questa bandiera francese in mezzo a tutte queste bandiere argentine e spagnole per quasi tutte, è commovente e ti rende orgoglioso dire di averlo fatto!

Quindi, ho solo una cosa da dire: BRAVO GIRLS!

PM: Ci racconti la tua ultima esperienza a settembre 2021?

LI: Prima di tutto, dobbiamo ringraziare la Federazione francese di tennis e tutte le persone che hanno lavorato per rendere questo viaggio una realtà e in ottime condizioni.

Siamo partiti per i Mondiali di settembre 2021 in Messico con le ragazze e i ragazzi junior. Approfitto di questa intervista anche per ringraziarli tutti per il loro investimento sportivo e personale in questi dieci giorni. È stato un grande incontro personale per me e mi ha anche permesso di avere una visione diversa padel.

Che sia in allenamento, preparazione alle partite, ascolto, curiosità e lo sguardo stupito di questi giovani per poter partecipare a questa competizione, è stato super rinfrescante.

Spero che dicano lo stesso di me...

Laurent Imbert (a destra) con la squadra femminile francese juniores al campionato del mondo 2021 (Messico).

“Sosteniamo e accompagniamo, ciascuno a modo nostro, l'istituto FFT”

PM: Questa risposta mi permette di fare il collegamento con la seguente domanda. Sospettavi che a un certo punto, in questa intervista, avremmo parlato della Federazione francese di tennis. Per diversi anni, le persone hanno parlato molto di buono e cattivo. Qual'è la tua opinione ?

LI: La mia opinione è molto chiara e non soffre di alcuna ambiguità. Niente è perfetto in questo mondo, ma da quando la FFT ha rilevato il padel, qualunque cosa si dica, in pochi anni è avanzato molto più velocemente che dalla sua comparsa in Francia.

Non pretendo assolutamente nulla, ma sono 30 anni che ho visto l'evoluzione di padel nel mondo e in Francia. Mi sembra di essere una di quelle persone che conoscono questo sport “un po'” e quindi mi fa sorridere quando vedo, quando leggo o quando sento regolarmente persone che criticano o parlano male della FFT.

C'è anche chi ha criticato questa istituzione che è la Federazione francese di tennis e che oggi è molto felice di lavorare con o di sfruttare il suo potere finanziario e le sue capacità per organizzare campionati del mondo o 'Europa in buone condizioni o altri eventi legati a il padel.

Per concludere la tua domanda, molte cose sono state messe in atto: gli aiuti ai club, il TFP (titolo professionale), la creazione dei Campionati di Francia (junior e senior), il FFT Padel Tour, stage e concorsi internazionali, sviluppo giovanile, ecc.

Non nomineremo e svilupperemo tutte le azioni messe in atto ma che prima non esistevano quindi, per me, dobbiamo sostenere e accompagnare, ciascuno a modo nostro, l'istituzione FFT.

PM: 30 anni di padel pieno di avventure umane e sportive, aneddoti! Hai immaginato un giorno di scrivere un libro sulla tua vita nel padel ?

LI: Mi è già passato "leggermente" per la mente soprattutto quando scherzavo con gli amici e alcuni giocatori che mi conoscono bene, ma non sono né uno scrittore né un giornalista quindi... E poi non ho ancora finito con il gioco. padel, dovrà sostenermi ancora per qualche anno. Ma perchè no ?

PM: Hai saputo quasi tutto nel padel, hai incontrato persone incredibili in tutti questi anni… Cosa possiamo augurarti di più negli anni a venire?

LI: Cercherò di essere più presente nel padel negli anni a venire perché i miei impegni professionali me lo permetteranno. Ho voglie oggi. Desidera restituire a questo sport ciò che mi ha dato e procurato in termini di piacere e passione.

Voglio trasmettere tutto ciò che ho scoperto, ciò che ho imparato e ciò che ho vissuto attraverso questo sport in tutti questi anni. È quella passione e quell'amore per lo sport che voglio che le persone provino, perché è così incredibile...

PM: Come ti immagini a farlo?

LI: Ho tanti desideri, ma hanno anche bisogno di essere condivisi: potrebbe essere come consulente per le varie emittenti come beIN Sports o Canal+, attraverso le selezioni dei giovani con la FFT e anche come allenatore.

Alexis Salles e Laurent Imbert come commentatori di My Padel Tour.

Ci penso molto in questo momento e quello che è certo è che c'è tanta voglia da parte mia.

E perché non una sezione "Grande formato" una volta al mese Padel Mag?!

PM: Laurent, grazie mille per questo ottimo tempo trascorso insieme Padel Magazine. Un'ultima parola prima di partire?

LI: È sempre un piacere condividere e parlare padel tra appassionati! E come diceva un umorista francese: finché dura!

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.