Padel magazine ti offre un'intervista privata con José Benitez, giocatore paraguaiano professionista di padel, che gareggia sul circuito APT Padel Tour.

Santiago PLAZAS: Piccolo souvenir, campionato del mondo Francia-Paraguay padel 2018? Una brutta sensazione dopo la sconfitta?

José BENITEZ: Questa partita è stata la seconda volta che ho affrontato i francesi. La prima volta è stata a Cascais in Portogallo e avevamo vinto (ride)... quindi la vendetta è stata francese...

SP: La bellezza al prossimo mondiale?

JB: Un terzo gioco sarebbe meraviglioso! Attualmente la Francia e diversi paesi europei hanno un ottimo livello... Storicamente, il padel era uno sport più sviluppato in Sud America ma la sua crescita è ora globale... Noi in Paraguay siamo alla ricerca del meglio.

SP: Come sono stati i tuoi primi passi nel padel ?

JB: Ho iniziato con il tennis, uno sport che praticavo professionalmente. Sfortunatamente, ho dovuto smettere perché il tennis è uno sport molto costoso in Sud America. Dopo aver smesso, mi sono rivolto a padel, ma come hobby solo per continuare a fare sport, pur avendo buoni sentimenti.

Ad un certo punto ho capito che stavo giocando bene, ho iniziato ad allenarmi professionalmente per sette anni. Sono quattro anni che sono un giocatore professionista di padel.

Oggi grazie a padel Ho trovato questa adrenalina della competizione che mi piace molto e anche tutto l'entourage di un circuito pro come l'APT Padel Tour.

SP: Durante le tue partite dai tutto, ci sentiamo sempre in pista. Come riesci a separare la tua vita professionale da quella personale?

JB: Per arrivarci bisogna allenarsi con routine psicologiche per riuscire a canalizzare emozioni e sensazioni... Durante una partita l'ansia gioca un ruolo fondamentale e bisogna saperla gestire bene... Quando giochi, ci sei dentro ma una volta che è finita, sto cercando di concentrarmi su qualcos'altro, amici, condividere momenti con la stampa e avere contatti con la mia famiglia... ognuno ha la sua routine.

SP: Quali sono le abitudini e gli hobby di José Benitez?

JB: Personalmente cerco di leggere, studiare e fare la mia vita personale. Tutta la mia vita non può girare intorno padel, dobbiamo prepararci per il futuro. Devi mantenere un buon equilibrio tra i due per ottenere la migliore prestazione possibile in pista.

SP: Per concludere questa intervista, potresti raccontarci un aneddoto su di te?

JB: Come ti ho detto nella mia carriera tennistica, ho avuto l'opportunità di viaggiare molto e di vivere bei momenti di competizione. Quando ho lasciato il tennis mi sono davvero mancate quelle sensazioni. Grazie a padel Li ho potuti rivivere e in particolare al mondiale di Cascais.

La partita contro la Francia è stata superba; era la nostra prima partita e l'atmosfera intorno al campo era incredibile. I tifosi di ogni nazione non hanno mai smesso di gridare e di incitarci… è stata una battaglia in campo come sugli spalti e queste sensazioni motivano molto a superare i propri limiti fisici… per fortuna la vittoria è stata per noi. È un momento che ricorderò per tutta la vita. Dopo questa partita non ho avuto dubbi, volevo continuare a vivere padel !

 

Per coloro che desiderano rivedere l'intervista nella sua interezza (in spagnolo), è appena sotto:

I colombiani lo adorano padel ! Quindi sì, non siamo i migliori, ma l'importante è partecipare. Hai capito, sono il chico che viene da Bogotà e ho intenzione di segnare il padel della mia impronta con Padel Magazine.