Interviste a Jérémy Scatena Cartri, il suo nuovissimo fornitore di attrezzature.

Il suo debutto in padel

Cartri: Come è nato il tuo rapporto con il padel ?

Jéremy Scatena: “Ho scoperto il padel nel 2006 quando il mio amico Nallé Grinda i figli di Jean-Noel Grinda, l'ex giocatore di Coppa Davis, mi hanno invitato a giocare una partita. All'epoca stavo giocando a tennis a un livello decente e dall'oggi al domani sono entrato padel. Ringrazio Nalle per tutto quello che ha fatto per me. È stato lui a permettermi di progredire e di unirmi alla squadra francese dal 2008”. 

Cartri: Cosa ti è piaciuto del padel ?

Jérémy Scatena: “Le due cose che ho subito amato sono state la convivialità e l'aspetto sociale di questo sport, sia con il proprio compagno ma anche con gli avversari dall'altra parte della rete. C'è un aspetto molto ludico in questo sport che, secondo me, non ha eguali". 

Uno schiacciatore forte

Cartri: Di ​​quali risultati sei più orgoglioso?

Jérémy Scatena: “Quindi ovviamente ce ne sono diversi. Per cominciare direi le 2 partite decisive con la Francia, la prima contro il Belgio nelle semifinali dell'Europeo dove abbiamo vinto 7/6 nel terzo set. E il secondo, nei quarti di finale del mondiale contro l'Uruguay. Poi, penso che ci siano i miei ultimi 1 round di previa sul WPT, dove superiamo 4 round ogni volta, sono stati grandi momenti di emozione.

Cartri: Qual è il tuo scatto migliore e quale vorresti migliorare? ?

Jérémy Scatena: “I miei due tiri migliori sono lo smash e il ritorno del cuchillo. Sul tiro che vorrei sviluppare, sarebbe per migliorare la mia qualità di palla dopo gli schiacciamenti avversari. Bisognerebbe riuscire a rigiocare nei piedi, in particolare nel rovescio”.

Cartri: Cosa significa che Cartri ha deciso di scommettere su di te e perché hai scelto questo marchio?

Jérémy Scatena: “Per me era importante entrare a far parte di un marchio che aveva bisogno di me dentro e fuori dal campo per aiutare a sviluppare prodotti o aiutare il marchio a espandersi in nuovi mercati. Cartri è uno dei pochi marchi che produce ancora in Spagna, il che gli consente di mantenere la qualità Premium. Ho scelto Cartri per questi motivi e in nessun modo per la parte economica che era meno interessante che con altri”.

Cartri: Che racchetta utilizzerai quest'anno e perché la consiglieresti?

Jéremy Scatena: “Ho scelto il "Titano Alfa" che è una racchetta rotonda con una gomma abbastanza dura. È un pala che mi permette di avere molto controllo nelle fasi di gioco corto, difesa e transizione. È l'ideale per i giocatori avanzati che aspirano a controllare il gioco".

Le padel evolve lentamente in Francia

Cartri: Qual è la situazione del padel nel vostro Paese ?

Jérémy Scatena: "Il padel si sta evolvendo lentamente in Francia e resta indietro rispetto ai suoi vicini europei, in particolare Svezia, Portogallo e Italia. L'evoluzione del numero dei campi, circa 1200, così come del numero dei giocatori, è relativamente costante". 

Cartri: Pensi che il padel, per promuoverne lo sviluppo dovrebbe avere una federazione indipendente dalla federazione di tennis?

Jérémy Scatena: “Questa è una domanda che sorgerà sempre di più in futuro. La FFT ha consentito il padel per guadagnare rapidamente notorietà, ma lo sviluppo esponenziale di questo sport spaventa i leader del tennis che lo vedono come una competizione pericolosa per il tennis. Forse è un po' presto per una Federazione di Padel decollare ma non è escluso che un giorno accada”.

Due obiettivi principali nel 2022

Cartri: Quali sono gli obiettivi di questa stagione?

Jérémy Scatena : “Con la nascita del nuovo circuito QSI/FIP Avrò due obiettivi principali. Il primo è quello di entrare in un tabellone principale di uno dei 10 big Fip. Il secondo è raggiungere le semifinali di un torneo APT e finire tra i primi 30. Il sogno sarebbe quello di entrare tra i primi 100 del circuito più grande del mondo”.

Cartri: Qual è il soprannome che meglio ti definisce?

Jérémy Scatena : “'El Loco'! Le persone a volte prendono la mia passione o la mia rabbia per vincere per follia. Allo stesso tempo, devi essere un po' matto per lasciare la tua città, il tuo paese, la tua famiglia e i tuoi amici per andare a inseguire i tuoi sogni". 

Thomas Jay

Dopo essere stato scosso dal tennis per quasi 15 anni, sono diventato un fan assoluto di suo cugino, il padel. Da quasi un anno inseguo la pallina gialla con un'altra racchetta, ma con altrettanta passione! Con sede a Lione, intendo farti conoscere meglio il padel nella regione e a livello nazionale.