Le grandi vittorie di questa mattina lasceranno ora il posto ai rimpianti questa sera al termine dei quarti di finale della FIP Rise Sweden IV a Göteborg. Filemone Raichman e il suo partner olandese Thijs Roper non sono stati in grado di fare nulla, mentre Julien Serin et L'uomo vive si inchinò alla fine della suspense.

Seurin/Vives, finale esasperante

Seme numero tre nella tabella, Julien Serin et L'uomo vive dovrebbe stare attento Victor Tur Checa et Josep Aymerich Belmunt (TS5). E per una buona ragione, gli spagnoli hanno subito condotto 5/2 nel primo set. I francesi hanno poi ritrovato il ritmo contro gli avversari e sono tornati a giocare una partita decisiva. Le due squadre si sono affrontate colpo su colpo, ma il bilancio pendeva a favore degli iberici: 7/6(5).

Gli azzurri hanno corretto la situazione nel secondo set imponendo la loro forza per pareggiare in un set pari (6/1). Hanno preso il servizio dell'avversario dall'inizio dell'ultimo atto per passare in vantaggio, prima di essere sorpresi a quattro partite di distanza. La tensione continuava a salire con l'avanzare dei punti e le due squadre dovevano logicamente decidere al tie-break. Più costanti su questi ultimi punti chiave, gli spagnoli hanno vinto 7/6(5) – 1/6 – 7/6(5) dopo 1h45 di gioco.

Gli svedesi sono troppo forti per Raichman/Roper

Nell'altra parte della tabella, Filemone Raichman et Thijs Roper si è diretto al Campo Centrale per l'ultimo quarto di finale della giornata. I due uomini hanno affrontato la squadra locale composta da Linus Gelo et Albin Olsson, molto meno classificati sulla carta. Tuttavia, gli svedesi hanno dimostrato di non aver rubato il posto lanciando un feroce push in tre game, vincendo il primo set 6/3 con autorità.

Più potenti, fisici e regolari, gli scandinavi non lasciano respirare gli avversari. Sommando le quattro partite consecutive segnate per vincere il primo set, Frost e Olsson hanno portato il loro totale a nove partite di fila conducendo 5/0 nel secondo set. La coppia franco-olandese ha salvato i mobili con grande atteggiamento, ma non è più riuscita a impedire l'inevitabile. Una sconfitta per 6/3 -6/3 che suggella la settimana dei Blues a Göteborg.

Martin Schmuda

Un giocatore di tennis competitivo, Martin ha scoperto il padel nel 2015 in Alsazia ed è apparso in alcuni tornei a Parigi. Oggi giornalista, si occupa di cronaca padel pur continuando la sua ascesa nel mondo della pallina gialla!