Sicuramente non ne sei a conoscenza, ma gli archivi di Padel Magazine contengono, ad oggi, circa 16 articoli, tra cui molte pepite dedicate a tecnica o tattica di gioco.

Beh, che tu ci creda o no, ma tra quei 16 articoli, uno si concentra sul concetto di "casa" sulla base di padel. La casa ? Ma quale casa?

Per capire, inizieremo adattandoci padel e ai suoi fondali azzurri le parole di San Francisco, di Maxime Le Forestier: È una casa blu / Appoggiata al vetro / Ci torniamo (torna) a piedi / Non bussiamo / Chi ci abita / Ha trovato la chiave...

L'opposto della terra di nessuno

La casa" padel, è in qualche modo l'opposto di "terra di nessuno", questa zona dove non indugiamo, di cui vi abbiamo già parlato. Questa "casa dolce casa" è, nel migliore dei casi, un luogo accogliente e confortevole, dove si è al sicuro.

Questa è una zona del campo in cui sei ben posizionato per difendere la maggior parte dei palloni dell'avversario e dove puoi preparare i tuoi attacchi scegliendo il momento giusto per portarli a termine.

Come spiega il nostro collega Romain Taupin in questo eccellente video, la “casa” si trova all'intersezione dei due pali posti ai lati dell'angolo del campo. Facciamo una piccola digressione: i più attenti tra voi noteranno che in un terreno ci sono quattro angoli, quindi quattro case. Va bene, perché ci sono anche quattro giocatori!

Difendi senza rischi, con pochi movimenti

Il vantaggio di metterti lì e di tornarci velocemente quando difendi è che puoi giocare la maggior parte dei palloni lì senza troppi rischi e con un minimo di movimento.

Mentre un giocatore che si avventura davanti alla linea di servizio (terra di nessuno) è molto vulnerabile e deve moltiplicare lunghe raffiche e pericolose mezze raffiche, uno che sta in casa, a circa un metro dietro il servizio, si concede più tempo per difendersi qualsiasi tipo di palla (o quasi).

Belasteguin bavero a finestra Cascais 2022
Fernando Belasteguin che colpisce una palla dopo il vetro della sua “casa”, sotto lo sguardo vigile di Coello.

Per un destrorso, di solito è sufficiente un passo a sinistra per giocare una palla proveniente dal lato di rovescio, sia prima del bicchiere che dopo. Idem per una palla che arriva sul dritto: il più delle volte bastano uno o due passi.

datti tempo

Grande vantaggio di questo posizionamento: ti permette di concederti del tempo se lasci passare la palla per giocarla dopo la finestra, rimanendo in una posizione ideale. Al contrario, un difensore troppo avanzato nella terra di nessuno sarà spesso in una brutta posizione per giocare dopo il vetro.

Ovviamente, se l'avversario è in grado di sfondare forte, sarà necessario uscire di casa, correre velocemente in avanti e quindi coprire più di uno o due passi. Per affrontare ancora meglio questo tipo di casi, il nostro collega Julien Bondia ha teorizzato anche un'altra "casa": la chiameremo qui la "seconda casa anti-smash", presentata in questo video.

Ma per tornare alla nostra "residenza principale" dalla linea di fondo, ricordati di tornare rapidamente, non appena la tua squadra è in difesa. Da lì, puoi prenderti il ​​tempo per costruire il tuo punto e preparare il tuo contrattacco. Vantaggio: riprenderai la rete – a volte con un pallonetto, a volte con un lancio profondo o una chiquita – con più possibilità di successo.

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.