Ma cosa succede nel padel Belga? Mentre questo paese è uno di quelli in cui l'esplosione di padel è il più forte, la parola “esplosione” è quasi da prendere alla lettera, quella di “deflagrazione”. La pianura conosce da due anni una vera guerra aperta tra due federazioni francofone in competizione.

Prima di allora, de era il primo caso nella parte di lingua olandese delle Fiandre, dove la federazione di tennis e quella di padel ha gareggiato per il controllo del secondo: ed è stato finalmente il tennis a vincere e ora presiede il destino del padel.

Ma dopo il nord, è ora al sud, nella parte francofona, che infuria la lotta. Anche qui la storica federazione di padel, nata negli anni '1990, ha dovuto sopportare l'assalto della federazione di tennis, che era più potente, più organizzata e talvolta più sostenuta dal potere politico e amministrativo.

campo di battaglia

La posta in gioco in questa lite è in particolare la reciproca concessione di sussidi (il termine belga per “sussidi”), l'affiliazione di club e calciatori, l'organizzazione di gare e di allenamenti nonché la gestione delle padel alto livello. A fine 2022 tutti gli occhi sono puntati su un nuovo campo di battaglia, più politico che sportivo: a fine novembre il Ministero dello Sport e la sua propaggine, ADEPS (Amministrazione dell'educazione fisica dello sport) deve decidere tra le due federazioni concorrenti.

A Padel Magazine, siamo ovviamente neutrali e – molto fortunatamente – non avevamo bisogno né di una bandiera bianca né di un casco blu per interrogare due attori del conflitto, uno per parte. Su un lato dell'anello abbiamo Philippe Cerfont, Tesoriere delAFP, federazione francofona di padel, che presiede anche la Federazione Europea di padel (FEPA). Nell'altro angolo troviamo Clément Geens, ex 245° tennista mondiale e direttore sportivo delAFT Padel, una federazione che unisce tennis e padel.

Abbiamo prima dato la parola al rappresentante dell'AFP, prima di consentire al rappresentante dell'AFT di rispondere (vedi riquadri).

La storia

La federazione belgaPadel Belgio” è stato creato nel 1992 per gestire uno sport che all'epoca era riservato. Quindi aveva solo pochi campi e praticanti rari.

"Il padel è stata gestita a livello nazionale fino al 2015 circa, ha spiegato Philippe Cerfont. Fu allora che fu creata la squadra fiamminga, che fu cannibalizzata dalla federazione di tennis. Ci sono state tutta una serie di cause legali che alla fine non hanno portato a nulla, ma il tennis ha vinto la guerra nelle Fiandre".

Nelle Fiandre, il padel da allora è stato gestito da “Tennis Vlaanderen”, la federazione di tennis. La disciplina si sta sviluppando molto rapidamente e con successo, grazie in particolare al dinamismo dei circoli privati.

2017: un matrimonio di convenienza

Da parte francofona, nella federazione Vallonia-Bruxelles, il potere politico ha spinto la federazione di padel per entrare a far parte della federazione di tennis. Philippe Cerfont racconta questo matrimonio di convenienza: “Nel 2017, la nostra federazione di padel ha siglato un accordo di collaborazione con la federazione tennis, con l'obiettivo di avere accesso alle agevolazioni dallo sport regionalizzato. Per noi è la federazione Vallonia-Bruxelles a concedere sussidi di funzionamento. All'epoca avevamo circa 700 licenziatari e oggi ne abbiamo dieci volte di più.

"Siamo stati molto felici in quel momento, perché abbiamo potuto professionalizzare, assumere dipendenti che si occupassero dell'organizzazione sportiva, dei tornei, dei regolamenti, delle fatture o delle pratiche di sovvenzione". Ma, rimpianto Philippe Cerfont, “Ci siamo resi conto in retrospettiva che il tennis ha sempre avuto il desiderio di catturare le nostre competenze tecniche e sportive, così da, ad un certo punto, monopolizzare completamente la gestione del padel".

2020: lo straccio sta bruciando

Il primo grosso problema che avevamo riguardato un contributo del Ministero dello Sport durante l'emergenza Covid, che doveva essere ridistribuito ai club. E sebbene il padel all'epoca rappresentava più del 10% dei licenziatari (tennis e padel insieme), ci è stato concesso meno del 3% della dotazione destinata ai club. Le regole di concessione sono state definite unilateralmente, senza consultarci, in totale disaccordo con la convenzione che ci vincolava”, si rammarica Philippe Cerfont.

2021: l'anno del divorzio

Nel 2021 le cose stanno peggiorando tra AFT e AFP. “Hanno iniziato a creare un progetto collaterale chiamato AFT Padel, finanziato in parte da proventi della padel, dice il signor Cerfont. E a marzo 2021 ci hanno detto di voler interrompere la collaborazione da novembre 2021. L'amministrazione generale sportiva e il ministero ci hanno convinto a firmare una sorta di patto di non aggressione con il tennis per trovare un nuovo modus vivendi”.

Il tesoriere dell'AFP cita anche una "assemblea generale di routine" nel giugno 2021, durante la quale "18 club di tennis hanno teso un agguato" e sono riusciti a far passare una mozione chiedendo che il padel nella federazione Vallonia-Bruxelles è gestita esclusivamente dalla federazione di tennis (AFT padel). “Non rispecchiava assolutamente la realtà, crede Philippe Cerfont. Dei circa 90 club della federazione Vallonia-Bruxelles, ce ne sono circa 70 pro-AF padel, la nostra federazione indipendente."

Novembre 2021: la pallina attribuita al tennis

A novembre 2021, ADEPS riconosciuto, per un periodo di un anno, AFT Padel come federazione preposta padel nel Belgio francofono. Un riconoscimento non definitivo, legato, secondo il tesoriere di AFP, “il fatto che ci avessero bloccato durante la nostra GA. Quindi abbiamo dovuto riorganizzarci, cambiare i nostri statuti e lottare per mesi per chiedere nuovamente questo riconoscimento”.

Non avere il riconoscimento del ministero non ha impedito all'Afp di continuare le sue attività con club e giocatori che non vogliono sentire parlare di una federazione legata al tennis. L'AFP ha quindi i suoi club, i suoi licenziatari, i suoi tornei, che sostiene siano attraggono molti più giocatori di quelli di AFT.

Autunno 2022: le carte rimescolate?

Il riconoscimento dell'AFT da parte delle autorità sportive in scadenza a fine anno, le due federazioni hanno depositato lo scorso agosto pratiche in cui ciascuna ritiene più legittimo dell'altra occuparsi della padel. Tra poco più di un mese sarà il ministro dello Sport a decidere tra le due federazioni, dopo aver preso il parere del consiglio superiore dello sport.

Philippe Cerfont: “Il tennis deve ascoltare la ragione”

Il tesoriere della federazione 100% padel attivamente campagne per la dissociazione della gestione del tennis e quella di padel.

Un gran casino.- “La posta in gioco è solo finanziaria, è chiaro. Il tennis non ha assolutamente alcun interesse se non quello finanziario in questa materia e lo dimostra attraverso la sua mancanza di entusiasmo nel gestire le competizioni. I giocatori di padel non voglio affatto partecipare alle gare organizzate dal tennis. I loro tornei sono deserti, i loro interclub sono deserti… Organizziamo tutto questo da anni. Il tennis voleva fare la stessa cosa, arrivare con risorse, sviluppare un nuovo sistema informatico, assumere il nostro ex direttore tecnico e reclutare Clément Geens come direttore sportivo. Hanno diviso la comunità padel sbalorditivo. Questo è il motivo per cui abbiamo due federazioni in competizione nel Belgio francofono, per una popolazione da 4 a 5 milioni di persone. È un gran casino".

Quanti licenziatari? “Per mezzo di propaganda e menzogne, l'AFT è arrivata ad affermare di avere 85 licenziatari, contando sia i licenziatari di tennis che quelli di padel. Questo la renderebbe la più grande federazione di padel d'Europa, quando in realtà hanno tra i 2000 ei 2500 licenziatari padel [Nota dell'editore: l'AFT rivendica 6000 concorrenti con licenza, oltre ai giocatori ricreativi di padel], Non più. Noi di AFP abbiamo tre o quattro volte più licenziatari!”

Chi pilota? “Non basta dire che c'eravamo prima, ma soprattutto che la competenza, la passione sono dalla nostra parte, così come il supporto dei club, che hanno capito che nella federazione tennis / padel, il tennis guida il padel. Sono i 330 o 350 club di tennis che decidono il futuro del padelPoiché la padel, avendo meno mazze, è annegato nella massa dei club di tennis”.

Pacificazione.- “Se otterremo il riconoscimento alla fine di novembre, ci auguriamo che il tennis ascolti la ragione e si concentri sul suo core business, lo sviluppo del tennis, e riconosca che il padel è un altro sport E ci impegneremo a fare di tutto per assicurarci che tutto vada nel miglior modo possibile per i club e la comunità dei giocatori. È un messaggio di pacificazione e di unità che vogliamo trasmettere”.

Philippe Cerfont, tesoriere di AFP

Clément Geens: “AFT vuole sia sviluppare il tennis che padel"

Il direttore sportivo dell'AFT smentisce le accuse dell'AFP e del suo tesoriere, secondo cui l'AFT Padel sarebbe un freno allo sviluppo di questo sport nel Belgio francofono. Ecco le sue argomentazioni.

Finanziamenti ed economie di scala.- "Il padel si è sviluppato molto rapidamente e all'inizio non aveva realmente "fondi", quindi il collegamento con la federazione di tennis ha permesso di avere fondi e di mettere in comune alcuni costi, consentendo di risparmiare. Alla fine consente di investire più soldi nello sport stesso".

L'esempio delle Fiandre.- “Il vantaggio dell'AFT Padel, è che lavoriamo con la parte di lingua olandese del paese, perché nelle Fiandre è anche la federazione di tennis che gestisce il padel. E laggiù le cose stanno andando molto, molto bene: hanno da 4 a 5 volte più affiliati, quattro volte più campi, da tre a quattro volte più club. Nel nord del paese si è sviluppato molto rapidamente grazie alla federazione di tennis. Francia, Paesi Bassi e Italia hanno lo stesso modello di gestione. Abbiamo anche ottimi rapporti con queste federazioni. La Federazione Internazionale di padel riconosce la federazione belga la cui AFT Padel è una parte, a differenza dell'AFP.

In numeri.- “96 club di padel sono convenzionati con AFT, di cui una quindicina”padel only”, con 265 siti nella Federazione Vallonia-Bruxelles. Questo rappresenta poco più di 6000 affiliati per la competizione, ma anche quattro volte più affiliati che praticano padel tempo libero, che l'AFT Padel ritiene fondamentale per lo sviluppo di questo sport. Alcuni di questi club collaborano con l'AFP o con le due federazioni e tutti i club sono molto dinamici, qualunque sia la scelta fatta.

Il governo.- “In AFT abbiamo creato un comitato di gestione che riunisce persone che provengono tutte solo da squadre di calcio. padel o club misti. Queste sono le persone che se ne occupano padel, hanno potere decisionale e dispongono di mezzi significativi per gestire e sviluppare il padel. La missione dell'AFT è garantire che il tennis e padel crescere e non importa quale prosperi di più. AFT vince in entrambi i casi. E non sono i leader del tennis a decidere il destino del padel, che sarebbe un problema".

Il budget.- “Le sovvenzioni concesse a ciascuno sport sono distribuite in base al numero di licenziatari e iscritti a ciascuna disciplina. Se ci sono sempre più licenze padel, ci sarà un budget sempre più ampio per il padel. "

Clément Geens, direttore sportivo diAFT Padel

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.