“Là aaaaa paaaas il fuoco al laaac! “, dicevamo in Francia quando vogliamo prendere in giro i nostri amici svizzeri. Questa proverbiale lentezza, ispirata dall'accento strascicato dei romani e dal carattere pacato dei bernesi, rallenta lo sviluppo della padel Svizzero?

Non stiamo parlando qui della velocità del gioco, dal momento che in padel – e soprattutto in Spagna – saper giocare lentamente (e con pazienza) è una qualità che molti tennisti impiegano anni per acquisire. La lentezza in questione è quella con cui il padel si sta sviluppando in Svizzera, uno dei paesi meno avanzati d'Europa in questo settore.

All'inizio del 2021, è stato stimato che solo 4500 il numero dei praticanti in Svizzera e una trentina il numero dei posti dove si potrebbe suonare. Da allora queste cifre sono aumentate, con ora circa un centinaio di tribunali in 45 siti e probabilmente circa diecimila praticanti... (leggi sotto)

Hornuss e birilli San Gallo, una gara?

Grazie alla pubblicazione di un interessante articolo di Mathieu Aeschmann su il sito economico Bilan.ch, cercheremo di capire perché il boom vissuto dal padel in Italia (6000 tracce), Svezia (3500 tracce), Belgio (1500 tracce) o Francia (1300 tracce) ha un impatto tardivo sul suolo svizzero.

Una crudele mancanza di tracce.- Se si padel è meno un successo in Svizzera che altrove, non a causa della concorrenza di sport tradizionali e tipici come hornus oi birilli di Saint-Gall (di origine alsaziana, secondo alcuni). Gli svizzeri che adottano il padel sono generalmente sedotti allo stesso modo degli altri europei. Ma ahimè per loro, hanno pochissima terra da praticare. "In inverno a Ginevra ci sono quindici giorni di attesa per ottenere una traccia", lamenta uno dei testimoni intervistati da Mathieu Aeschmann.

La barriera del prezzo? Gioca a padel in Svizzera è generalmente più costoso che in Francia e ovviamente che in Spagna. Ma non è questo che frena questo sport in un Paese dove il salario minimo supera i 3000 euro e dove il tenore di vita è molto alto. Inoltre, alcuni club svizzeri, privati ​​o associativi, offrono condizioni molto vantaggiose.

Affitti troppo cari, stipendi troppo alti.- Cosa ostacola davvero l'apertura di centri privati ​​dedicati padel, è il prezzo molto alto degli affitti, soprattutto nelle zone più popolate. L'articolo di Bilan.ch cita prezzi medi di 30 franchi svizzeri (quasi altrettanti euro) al mese per affittare un complesso di 000 m². Tale superficie potrà ospitare al massimo da otto a dieci piazzole, a condizione che lo spazio occupato dagli spogliatoi e dal bar, essenziale alla convivialità del locale, sia limitato. Se a questo aggiungiamo il costo dei dipendenti, che è più alto che altrove in Europa (tranne il Lussemburgo), vediamo che la redditività è più difficile da raggiungere.

Questo club di Basilea è uno dei più economici della Svizzera. È gratis anche ogni martedì sera...

Dove sono le stelle del calcio? Piuttosto che affittare, è meglio acquistare o costruire una stanza dedicata padel in svizzero? In questo Paese dove spesso è necessario indebitarsi per più generazioni per diventarne proprietario, questo è un sogno, perché ci vorrebbero decenni per ammortizzare l'investimento. Di conseguenza, i miliardari non hanno fretta di investire: quindi, le ex stelle del calcio vivono in Svizzera principalmente per motivi fiscali e non per iniettare lì la loro ricchezza, come fanno in Italia, in Svezia o persino in Francia.

Il prezzo delle piste.- Questo non riguarda solo la Svizzera, ma tutta l'Europa: mentre una traccia di padel poteva costare da 25 a 30 euro tre o quattro anni fa, da allora questo prezzo è quasi raddoppiato. In questione, l'aumento delle materie prime, quella dei combustibili e l'esplosione della domanda che spingono i produttori a monetizzare a caro prezzo i propri servizi.

Finanziamenti pubblici quasi assenti.- Contrariamente alla Francia, dove i club associativi possono beneficiare di importantissimi sussidi dei comuni, dei dipartimenti e delle regioni, lo sviluppo del padel in Svizzera raramente beneficia di denaro pubblico.

Una federazione debole.- svizzero Padel (o SUIPA) la Federazione Svizzera di padel, è indipendente dalla federazione di tennis. È quindi molto, molto lontano dall'avere il potere finanziario, i dipendenti, le infrastrutture e le competenze di cui gode la Federazione francese di tennis, che sovrintende alla padel dal 2014 e scommette molto su questo sport. E, naturalmente, non c'è posto in Svizzera leggendario come il Roland-Garros per accogliere i migliori giocatori di padel mondo e promuovere la copertura mediatica internazionale.

Birra self-service

Ma ogni speranza non è persa per gli appassionati svizzeri di padel. Molti a volte vengono a suonare nei paesi vicini – Francia e Italia in testa – per sfruttare più infrastrutture e prezzi più bassi.

Tuttavia, alcuni svizzeri beneficiano di condizioni vantaggiose: è il caso dei giocatori della club atipico di Klybeck, a Basilea, offrendo una pista rosa unica, dove un'ora di gioco costa meno di 7 euro, palline e racchette incluse e birra self-service. Meglio ancora, la pratica è gratuita e gratuita tutti i martedì sera dalle 19:XNUMX… A questo prezzo, sono i francesi che varcano il confine per assaggiare il padel in Svizzera!

“La federazione SUIPA (Svizzera Padel) elenca attualmente un centinaio di corsi in tutta la Svizzera, distribuiti in 45-46 siti diversi. L'anno 2022 ha visto l'apertura di nuovi siti ogni mese. Il numero di licenziatari attivi è di circa 800. Cresce anche il numero di competizioni offerte, in particolare con gli interclub che riuniscono 38 squadre da 6 a 9 giocatori, in quattro campionati diversi. Un altro ottimo segnale: gli sponsor iniziano a interessarsi alla padel, nonché le autorità regionali, tra cui il padel nei loro programmi di costruzione sportiva. »

Manuel Faure, vicepresidente della SUIPA

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.