In occasione del P2000 svoltosi lo scorso fine settimana nel favoloso club di Padel Skyline a Sucy en Brie, Padel Magazine ha potuto parlare con il numero 1 francese, Alix Collombon.

Al nostro microfono, la Lyonnaise è tornata su diversi temi di attualità come il famoso “punto d'oro” che ancora divide, ma anche sui motivi dell'assenza delle dame durante il Premier Padel da Doha.

In particolare, ci spiega i rapporti che i giocatori hanno con la World Padel Tour e gli organi direttivi di QSI.

“Io sono per la Punto de Oro”

“Mi sono abituato alla Punto de Oro e a dire il vero mi piace, penso che accorci le partite e dobbiamo essere sempre concentrati perché tutti i punti contano, può andare molto veloce.

Dopo, è vero che quando giochi con questo sistema di conteggio contro coppie molto forti, spesso sono questi punti che fanno la differenza. Ad Alicante abbiamo perso 6/3 – 6/2 giocando una buona partita ma abbiamo perso troppi punti decisivi ea questo livello si paga in contanti.

Se noi (le donne) avessimo giocato Premier Padel di Doha, avrei votato “Punto de Oro”. E credo che tutto Il francese lo ha votato. È vero che all'inizio non ero necessariamente favorevole come la maggior parte dei giocatori, ma ci si abitua e casualmente le partite sono più brevi. È interessante perché giochiamo molte partite durante l'anno e personalmente mi piace questa formula.

Come giocatore penso che dobbiamo essere sempre concentrati, ma come spettatore è molto interessante perché è spettacolare, c'è tensione".

“Per cambiare, deve essere più interessante”

La lionese ha spiegato il motivo dell'assenza delle ragazze durante il primo grande torneo fatto in QSI.

“L'obiettivo per gli organizzatori era avere i ragazzi e le ragazze. Se i giocatori non erano presenti, è soprattutto che vogliamo prenderci il nostro tempo durante queste trattative.

Sappiamo di avere un contratto con il WPT fino alla fine del 2023 e siamo in una posizione in cui vogliamo negoziare le cose migliori per noi. Non abbiamo ancora firmato con Nasser al-Khelaïfi e QSI per questo circuito. Ecco perché non c'eravamo.

Non è assolutamente una scelta di Nasser. Ovviamente vuole avere le ragazze sul circuito. È una questione di tempismo. Per il momento non è fatto ma magari lo si farà a metà anno o quando avremo finito con il World Padel Tour. Attualmente siamo in una posizione di forza e stiamo cercando di negoziare le condizioni migliori per noi.

Ricordiamo che il circuito spagnolo ha recentemente deciso di offrire lo stesso premio in denaro alle donne come agli uomini.

“Non siamo stupidi e sappiamo che è stato fatto per infastidire i ragazzi, ma ehi, ne approfittiamo. È vero che non ce lo aspettavamo perché il World Padel Tour non ce ne ha parlato affatto.

Ed è per questo che ora possiamo negoziare le migliori condizioni con QSI. La realtà è che senza contare i grandi slam proposti da Nasser in cui il montepremi è molto buono, la proposta di Nasser per i cosiddetti tornei “futuri” non è molto al di sopra di quella del WPT.
Perché cambiare qualcosa che funziona, il WPT ha un'immagine, i suoi spettatori... ecco perché se dobbiamo cambiarlo deve essere davvero più interessante.

Soprattutto perché il problema principale oggi è che tutti noi vogliamo vedere il contratto prima di firmarlo, ma non è così. Devi capire che questo impegnerebbe oltre 25 anni, il che non è niente".

“Un anno impegnativo”

"I ragazzi avranno un anno molto impegnativo, dovranno essere fisicamente pronti Se anche noi siamo venuti a suonare in circuito (nota Premier Padel) dovremo essere pronti. Ci stiamo anche adeguando alle regole e se domani ci verrà chiesto di giocare con i vantaggi torneremo a questo sistema e dovremo riabituarci durante allenamenti e partite. È solo una questione di adattamento".

“Più forte è il torneo, meglio è per noi”

Alix è tornata su questo P2000 così come sulle nuove coppie presenti in questo primo grande torneo dell'anno.

In effetti questa competizione è stata l'occasione per vedere volti noti sulle piste. Ovviamente ci stiamo pensando Jessica Ginier, ex compagno di Alix Collombon con il quale ha condiviso la prima posizione in classifica negli ultimi anni.

Abbiamo fatto notare al giovane che quest'anno si erano formate anche nuove squadre.

“Più le partite sono dure e intense, meglio è per noi mantenere il ritmo. Siamo competitivi e ci piace vincere quando è difficile.

L'obiettivo di questo torneo sarà ovviamente vincerlo, ma è vero che ci sono alcune coppie interessanti. Sono super felice di trovare Jess. Lei torna prima del previsto. “

Guarda l'intervista completa nel video seguente.

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.